Su questo sito si usano i cookies. Navigandolo li accetti

Sei qui: Home Aria

Aria

Ambiente urbano: accordo Legambiente-A.L.P.I.-Eurotech

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Progetto GenkiDue associazioni, LEGAMBIENTE FVG ed A.L.P.I. (Associazione Allergie e Pneumopatie Infantili), interessate alla qualità e salubrità dell’ambiente urbano, in collaborazione con un partner tecnologico (EUROTECH S.P.A.), leader nel settore dei sistemi di controllo ambientale, hanno sottoscritto un accordo come partners fondatori e sostenitori del progetto GENKI (Global Environment Network, Knowledge and Involvement), con cui si intende monitorare la qualità dell’aria di alcuni siti sensibili, al fine di promuovere percorsi di conoscenza e consapevolezza tra i cittadini sui temi dell’inquinamento atmosferico in ambito urbano.

Leggi tutto...

Ci è andata bene

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

All'indomani dei falòALPI - Associazione Allergie e Pneumopatie Infantili

ISDE FVG - Associazione Italiana Medici per l'Ambiente

Legambiente FVG

comunicato stampa congiunto, 18 gennaio 2016

All'indomani dell'accensione dei falò abbiamo potuto leggere diverse dichiarazioni di politici e amministratori dalle quali traspariva un "ci è andata bene".
Infatti, a loro dire, grazie a una mutata situazione della mobilità dell'aria i livelli di inquinamento non erano rimasti a lungo elevati.

Leggi tutto...

Falò epifanici: forti le emissioni inquinanti

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

falò epifaniaComunicato stampa, Udine, 2 gennaio 2016 

L’ Associazione ALPI - Allergie e Pneumopatie Infantili, l’ISDE FVG - Associazione Italiana Medici per l'Ambiente e Legambiente FVG propongono di rinnovare i tradizionali falò Epifanici ad iniziare dal 2016. Quali sono le loro proposte? Realizzare solo fuochi simbolici di pochi minuti con legna non trattata, spiegando alle persone le motivazioni che hanno condotto a tale scelta, oppure, come ha deciso la Pro Loco di Sacile, non fare il Pignarûl.

Leggi tutto...

Decreto "Terra dei fuochi": i residui vegetali vanno recuperati non bruciati

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

la posizione ambientalista in merito alla querelle nata dall'applicazione regionale del cosiddetto Decreto "Terra dei fuochi" i residui vegetali vanno recuperati e non bruciati!

COMUNICATO STAMPA    Udine, 27 marzo 2014 

In merito alla querelle nata dall'applicazione regionale del cosiddetto Decreto "Terra dei fuochi" (riguardante anche l’abbruciamento di residui vegetali), le tre associazioni ambientaliste di cui alla firma, tengono a precisare che nella maggioranza dei Regolamenti Comunali di Polizia Rurale (materia comunque da regolarizzare e omogeneizzare a livello regionale) è fatto divieto di accendere fuochi nei fondi con esclusione di quelli mirati a fini fitosanitari e autorizzati dagli Enti Regionali competenti.

Leggi tutto...