Su questo sito si usano i cookies. Navigandolo li accetti

Sei qui: Home Circoli Carnia-Val Canale

Circolo della Carnia-Val Canale

Circolo della Carnia-Val Canale

Il caso della galleria di Chiusaforte

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Foto galleria ChiusaforteSi discute molto, in queste settimane, sull'opportunità di realizzare un'opera fino a poco tempo fa ritenuta "strategica", come il raccordo stradale Palmanova - Manzano.
Per alcuni amministratori locali e molti imprenditori della zona essa è del tutto inutile e rappresenterebbe uno spreco di risorse pubbliche, tanto più in un momento economicamente difficile come l'attuale.
Non sarebbe un esercizio inutile provare ad immaginare quanti problemi si potrebbero risolvere e quanti posti di lavoro si potrebbero creare con i novanta milioni di euro previsti per la sua realizzazione.
Il caso della galleria di Chiusaforte, recentemente inaugurata sulla strada statale 13 "Pontebbana", dovrebbe in questo senso far riflettere e dare lo spunto per svolgere un'indagine sulle tante opere inutili o discutibili realizzate in questi anni ....

Allegati:
FileDimensione del FileDownloads
Scarica questo file (C.S._Galleria_Chiusaforte.pdf)C.S._Galleria_Chiusaforte.pdf56 kB414

Lettera aperta delle Associazioni sullo svasamento di Sauris

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Il Sindaco del Comune di Preone ed i Presidenti di Legambiente FVG, WWF FVG e dal Comitato Tutela Acque del Bacino Montano del Tagliamento hanno scritto una lettera aperta  ai Sindaci delle città di Bolzano, Trento, Brescia, Genova, Milano, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Torino.

Nella lettera  si denuncia il recente disastro ambientale provocato dallo svasamento del bacino idroelettrico di Sauris (UD) da parte di Edipower Spa, Società di cui sono azioniste le multiutilities SEL, Dolomiti Energia, A2A, Iren, attive nelle città destinatarie della nota allegata.

Gli Scriventi desiderano esprimere così preoccupazione e sdegno verso una Società che, per la natura prevalentemente pubblica dei suoi soci, dovrebbe garantire innanzitutto il rispetto delle leggi e dell’ambiente prima che del giusto guadagno.

Andrea Martinis - Sindaco di Preone
Elia Mioni - Presidente Legambiente FVG onlus
Roberto Pizzutti - Presidente WWF FVG
Franceschino Barazzutti - Presidente Comitato Tutela Acque Bacino
Alto Tagliamento

Tagliamento nel fango

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Video di denuncia

Di Elisa Cozzarini pubblicato sul canale video La nuova Ecologia

Raccolta firme contro il sorvolo di aerei militari

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

L'intensificarsi delle esercitazioni di aerei militari in Carnia nel corso delle ultime settimane, ci ha spinto a riprendere e rilanciare la PETIZIONE (vedi allegato) a suo tempo avviata, per la quale abbiamo già raccolto qualche centinaio di adesioni.

L'obiettivo che ci eravamo posti - raccogliere almeno un migliaio di firme - non era stato raggiunto, ma ora, vista anche la possibilità di collegarci ad una raccolta di firme per protestare contro questa situazione avviata da parte di un comitato di cittadini nella zona di Osoppo, esso diventa nuovamente fattibile e migliorabile.

Vi chiediamo pertanto di stampare fronte/retro il documento allegato, di raccogliere firme e di restituirci i moduli nel giro di un paio di settimane.
(Oltre che contattarci direttamente, potete spedire le firme raccolte a questo indirizzo: Legambiente della Carnia - Via Spalto, 9 - 33028 Tolmezzo).

Un'analoga iniziativa, su di un testo solo parzialmente differente, è stata promossa anche  da altri cittadini con i quali siamo in contatto.
Successivamente provvederemo a informare l'opinione pubblica con una conferenza stampa congiunta.

Circolo Legambiente della Carnia

Allegati:
FileDimensione del FileDownloads
Scarica questo file (2013_03_29_PetizioneVSaereimilitari.pdf)2013_03_29_PetizioneVSaereimilitari.pdf77 kB406

La vicenda del lago di Sauris e le mancate risposte di Regione ed Edipower

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Legambiente è insoddisfatta dall’incontro svoltosi in Regione con i portatori di interesse sulla vicenda del lago di Sauris.
«Cercavamo risposte che non abbiamo ottenuto anche se abbiamo accolto con favore il responso delle analisi dell’Arpa sul limo: non contiene sostanze pericolose. Legambiente e Wwf del Fvg e Comitato Difesa Bacino Montano del Tagliamento hanno consegnato alla Regione un documento congiunto con vari quesiti a Regione e Edipower. Le associazioni chiedono chiarimenti sul motivo di concentrazioni così elevate e continuative di limo rispetto a quelle medie previste e vogliono sapere «se c’è stata un’imperizia, una volontà esplicita o un’impossibilità tecnica nell’intervenire a ridurre o bloccare lo svaso una volta che è stato accertato il superamento dei valori».

Leggi tutto...

Nuovo esposto di Legambiente FVG contro Edipower

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva

COMUNICATO STAMPA
Udine 18 marzo 2013                                                                                                                         

NUOVO ESPOSTO DI LEGAMBIENTE FVG CONTRO EDIPOWER

Un secondo esposto, più dettagliato e articolato, è stato inviato alla Procura di Tolmezzo per completare le informazioni e le valutazioni di Legambiente su quanto è successo durante il disastroso svaso del Lago di Sauris. In particolare l'attenzione di Legambiente si è concentrata sul superamento delle quantità di solidi sospesi nell'acqua, anche 11 volte superiori a quelli previsti, sulla realizzazione, senza autorizzazione, di una cinquantina di traverse ed argini nel Tagliamento, sull'incapacità di Edipower di interrromepre o controllare il flusso fangoso una volta accertato il superamento dei limiti ammessi, sulla lentezza di reazione degli organi di controllo regionali e sulla strana concessione, in tempi rapidissimi, di autorizzazione, da parte di questi ultimi, a ricoprire tutto il malfatto e nascondere sotto terra (anzi, sotto acqua) i 56.000 mc di fanghi scaricati nel fiume.

Leggi tutto...