Su questo sito si usano i cookies. Navigandolo li accetti

Sei qui: Home Circoli Gorizia

Circolo di Gorizia

Circolo di Gorizia

Attività del Circolo di Gorizia

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

AL MOMENTO CI STIAMO OCCUPANDO DI...

  • sostenibilità dell'acqua e Isonzo
  • petizione europea per dire stop al consumo di suolo

 

IN PASSATO CI SIAMO OCCUPATI DI...

2016

17 febbraio, Convegno con Legambiente FVG sulle problematiche della dismissione delle aree militari e misura del fenomeno presso Fondazione CARIGO.
13 marzo, partecipazione della Festa di Primavera sul monte Calvario dell'Ass. La Primula.
19 marzo, avvio lavori nell'orto presso il Parco Basaglia a supporto delle attività dell'Associazione URASAM

- 21 marzo - 9 aprile, esposizione della mostra fotografica "un tesoro di suolo" presso l'ISIS Galilei di Gorizia
- 21 marzo, partecipazione alla XXI giornata della memoria delle vittime innocenti della mafia
- 4 aprile, organizzazione seminaro sul consumo di suolo presso l'ISIS Galilei di Gorizia
- 5-17 aprile, volantinaggi e iniziative per il referendum #STOPtrivelle
- 15/29 maggio, escursioni per conoscere l'Isonzo con le associazioni di Salviamo l'Isonzo

- 12-16 maggio partecipazione al progetto BlueTwin sull'uso sostenibile dell'acqua
- luglio, organizzazione del contest fotografico "Urban Discipline" con Comunei di Gorizia e Mitteldream
- 30 luglio consegna della petizione con le associazioni del gruppo "Salviamo l'Isonzo" agli europarlamentari Marco Zullo ed Elly Schlein
- 28 luglio supporto all'iniziativa StopTTIP
- tra settembre e ottobre supporto in divers comuni della provincia per Puliamo Il Mondo con il convolgimento delle scuole
- 19 novembre, presentazione della Mappa dei valori e delle criticità del fiume Isonzo a Turriaco e proiezione del docu-film The End of the River.

 

Circolo di Gorizia

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

LegambienteLoGo ok NOmotttoLa presenza di Legambiente a Gorizia risale ai primi anni '90 quando si costituì il «Circolo Culturale Isontino Terra Legambiente» che operò fino al 2001 e in seguito si sciolse. Da quel momento fino al 2008 la voce legambientina è rimasta comunque accesa grazie alla presenza di Sonia Kucler che in qualità di responsabile regionale di Legambiente Scuola e Formazine che ha continuato ad occuparsi non solo di progetti educativi ma anche di vertenze e problemi ambientali.

Nel 2008 partono i primi contatti per ristabilire una presenza stabile di Legambiente, con l'iniziale importante contributo di diverse persone fra cui Massimo Santinelli. A gennaio 2010 finalmente si è giunti alla formale costituzione dell'associazione «Legambiente Gorizia» dai soci fondatori: Alberto Gratton, Federico Pellegatti, Francesco Foschian, Giorgio Santoro, Luca Cadez, Marco Culot, Marco Rota, Mette Hastrup, Nevio Costanzo, Sibilla Gerin. Nel 2011 abbiamo acquisito il titolo di organizzazione di volontariato.

Il Circolo oggi è ben consolidato, ci sono anche molti giovani (la metà del direttivo ha meno di 30 anni), ed opera realizzando attività, incontri, manifestazioni, progetti, e segue anche svariante vertenze ambientali. Ci occupiamo di molti temi e questioni dell'alto Isontino, fra cui l'inquinamento dell'Isonzo, le problematiche dell'abbandono di rifiuti, la cura del verde, ed altri.  Per una lista completa vedi qui.

Il Consiglio direttivo 2017 è composto da: Luca Cadez (presidente), Andrej Drosghig (segretario), Marco Culot (teosoriere), Monica Iacumin, Sara Costa, Sonia Kucler, Giovanni Bognolo.

Direttivo LegambienteGO 2015

Allegati:
FileDimensione del FileDownloads
Scarica questo file (Statuto_Legambiente_Gorizia.pdf)Statuto-Legambiente-Gorizia49 kB723

Gli interventi di sistemazione invasivi nella Provincia di Gorizia

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Si intensifica la tendenza di vari enti regionali a regimentare fiumi e torrenti, spesso con tecniche invasive e noncuranza per il delicato ambiente fluviale anche di corsi d’acqua di piccole dimensioni. Legambiente ritiene sia necessario promuovere una presa di coscienza più diffusa sulle implicazioni del fenomeno in campo ambientale, territoriale ed economico a cui anche le Amministrazioni locali difficilmente potranno sottrarsi dal prendere posizione visto che gli interventi assorbono consistenti fette di denaro pubblico in tempi di crisi e visto che la Commissione paesaggistica comunale ha pieno diritto di parola in merito. 

Leggi tutto...