Su questo sito si usano i cookies. Navigandolo li accetti

Sei qui: Home Circoli Gorizia Visione miope la riapertura alle auto di galleria Bombi

Visione miope la riapertura alle auto di galleria Bombi

galleriabombiCOMUNICATO - Legambiente Gorizia e FIAB-GorizianINbici ritengono che la proposta di riaprire la galleria Bombi alle auto sia del tutto estemporanea, fuori da una qualsiasi visione progettuale considerando che si tratta di un'apertura sperimentale dal costo per i cittadini di ben 70 mila euro.

 

Cosa ne sarà della pista ciclabile della galleria? Considerando la strettoia che si ha entrando nella corte Bombi come si pensa di conciliare le auto con i pedoni e le tre attività a immediato ridosso della futura strada (paninoteca, mediateca e scuola di danza)? Il fatto stesso che solo una parte dei commercianti ne sia favorevole indica che perlomeno sarebbe necessario ascoltare in maniera ampia la cittadinanza e i portatori d'interesse. Invece troppo spesso ci si ritrova semplici destinatari di decisioni prese nelle stanze del palazzo comunale senza nessuna discussione o condivisione coi cittadini.

Le Associazioni rimarcano poi come si continuino a fare interventi sulla circolazione fuori dalla visione organica del Piano Urbano del Traffico, ovvero lo strumento finalizzato "ad ottenere il miglioramento delle condizioni di circolazione e della sicurezza stradale, la riduzione degli inquinamenti acustico ed atmosferico ed il risparmio energetico". Quindi riaprire o no galleria Bombi è un domanda la cui risposta può giungere solo e soltanto dopo una valutazione complessiva che è propria del PUT, fermo al 2005 benché il Codice della Strada ne preveda l'aggiornamento per legge ogni 2 anni. Il Comune dice che vuole continuare a studiare... ma 12 anni non sono bastati? Non è facoltà del comune decidere di studiare, ma ha l'obbligo di aggiornare il piano come previsto dalla legge. In ogni caso se in 12 anni non c'è stato modo di aggiornare il piano suggeriamo di affidare l'incarico a degli esperti, come sta facendo il Comune di Grado che per il più complesso Piano urbano della mobilità sostenibile si è rivolto al Politecnico di Milano.

Legambiente per parlare di questo e altri temi ha sollecitato un incontro al Sindaco Ziberna, in attesa di risposta da settembre.

FIAB-GorizianINbici / Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Legambiente Gorizia / Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.