Su questo sito si usano i cookies. Navigandolo li accetti

Sei qui: Home Circoli Prealpi Carniche

Circolo Prealpi Carniche

Circolo Prealpi Carniche

Cartografia del Monte Fara

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

FARA luoghi e sentieri Cartina aggiornata del versante sud del Monte Fara e zone limitrofe curata dal Circolo Legambiente Prealpi Carniche

novembre 2015

Il monte Fara a sud è aspro, impervio e difficilmente accessibile.
La necessità dei nostri nonni di percorrere tragitti ripidi e pericolosi per raccogliere una miseria di legna e fieno dà un'idea della povertà.
Ci pareva giusto che non andasse persa la memoria di luoghi e sentieri allora molto comuni ma ormai quasi sconosciuti.

Leggi tutto...

3a Festa del Torondon

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Festa del Torondon

l'iniziativa è rinviata a data da destinarsi: le previsioni meteoriche sono negative, tanto da rendere difficile un sereno e piacevole svolgimento del programma previsto

domenica 4 ottobre 2015, dalle ore 11

Programma e indicazioni in allegato

Leggi tutto...

Sghiaiamento del lago di Barcis

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Sghiaiamento BarcisComunicato stampoa, Montereale 7 settembre 2015

SGHIAIAMENTO DEL LAGO DI BARCIS: Quali soluzioni si stanno prospettando?

Sono passati 15 anni dal primo progetto di sghiaiamento del lago di Barcis, progetto che allora aveva il carattere dell’urgenza, su cui c’era accordo tra tutti gli enti coinvolti, e che non è mai stato attuato per l’atteggiamento irresponsabile di politici regionali e locali. Le conseguenze sono state evidenti con la chiusura sempre più frequente della strada SR251 in seguito ad allagamenti. Ora si è posto momentaneo rimedio rialzando la carreggiata in corrispondenza del Varma con una spesa di circa 2 milioni di euro.

Leggi tutto...

La notte della Civetta

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

La notte della civettaIl Circolo Legambiente Prealpi Carniche presenta Sabato 11 Aprile 2015 presso la sala “Menocchio” a Montereale Valcellina

NOTTE EUROPEA DELLA CIVETTA XI EDIZIONE

Programma:

17.30 - Claudio Bearzatto ci parlerà degli Strigiformi (rapaci notturni) del nostro territorio

18.00 - analizziamo le borre: laboratorio per grandi e piccini

19.00 - partenza per una facile escursione notturna sul Monte Spia per l’ascolto degli Strigiformi Munirsi di cena al sacco, pila e abbigliamento adeguato

Allegati:
FileDimensione del FileDownloads
Scarica questo file (La notte della civetta.pdf)La notte della civetta.pdf102 kB485

"L'acqua e il territorio", incontro a Tramonti di Sopra

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

L'ACQUA E IL SUO TERRITORIO

Lacqua e il suo territorio Tramonti di Sopra

La ferrovia "quasi-dimenticata" Sacile - Gemona

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ferrovie dimenticate 2015 2La Ferrovia "quasi-dimenticata" Sacile-Gemona

Grazie al Circolo Legambiente Prealpi Carniche e all'associazione Aruotalibera - FIAB, Domenica 8 Marzo, dalla stazione di Montereale Valcellina è partito in bicicletta un nutrito gruppo di persone, che ha incontrato ad Aviano un gruppo proveniente da Budoja.

La giornata delle ferrovie dimenticate si è celebrata così lungo la linea della ferrovia "quasi-dimenticata" che fino al 2012 veniva percorsa da Sacile a Gemona, con stazioni nelle principali frazioni della pedemontana friulana.

Nel corso della mattinata è stato raccontato da Laura Magris il punto della situazione relativa alla vicenda che ha portato prima alla sospensione della linea nel 2012, a seguito del deragliamento di un treno a causa di una frana e poi ad un avvicendarsi di proposte per l'utilizzo della linea ferroviaria.

La riattivazione della linea dipende anche dall'attivazione di un turismo sostenibile nel territorio pedemontano che preveda degli spostamenti intermodali  e consideri le stazioni come "simbolo del viaggio", come hanno spiegato Ermes Povoledo, Giorgia Liut e Tommaso Iaiza, alcuni degli architetti che hanno lavorato ad un progetto per un uso continuativo della pedemontana friulana. Si rimanda al link della pubblicazione: http://issuu.com/architettura7/docs/a7/30?e=14283641/10084268.

Una bella iniziativa che ha visto la partecipazione di diverse organizzazioni e dei sindaci di Budoja e di Aviano. Anche il sindaco di Budoja, Roberto De Marchi, ha ribadito la necessità di un turismo sostenibile nella zona pedemontana, da creare grazie alla sinergia tra i diversi comuni coinvolti dal passaggio della ferrovia.

Ferrovie dimenticate 2015 3