Su questo sito si usano i cookies. Navigandolo li accetti

Sei qui: Home Circoli Trieste

Circolo di Trieste

Circolo di Trieste

Festa di tesseramento

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

logo CIRCOLO TSCari Amici,

il 2014 è stato un anno ricco di appuntamenti tra corsi, incontri e conferenze e anche il prossimo anno sarà ricco di iniziative.
Questa prima parte della lettera vuole essere una proposta di riflessione su cosa significa essere socio.

Leggi tutto...

Festa dell'albero in Piazza Hortis, #abbraccialo

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

festa dell'alberoFesta dell’Albero #abbraccialo!

Battiamo il Guinness World Record per il più grande gesto d’amore per la natura !

Oggi vi parliamo di abbracci. Di abbracci un po’ particolari, a testimonianza della nostra opera di amore e difesa della natura. Il protagonista dell’edizione 2014 di Festa dell’Albero sarà infatti l’abbraccio all’albero.

Non siate timidi ! Ci siamo iscritti per battere il Guinness World Record per il più grande abbraccio simultaneo agli alberi di tutta Italia (e non solo !). Quindi, il 21 novembre vincete l’imbarazzo: quel giorno ci saranno molte altre persone che stanno facendo la stessa cosa!

L’abbraccio degli alberi perché c’è un rischio di abbattimento, perché il verde rischia di essere soppiantato da altro cemento, perché combattiamo vertenze per difendere i nostri territori e renderli più vivibili, perché gli alberi monumentali possano essere davvero riconosciuti come bene storico e ambientale. Ci piacerebbe anche abbracciare gli alberi come gesto di tutela della biodiversità, della difesa dal rischio idrogeologico e dall’aggravarsi dei mutamenti climatici, ma anche come simbolo dell’accoglienza ed interculturalità, così come di riappropriazione ed autogestione di spazi verdi. 

per la Festa dell'albero vogliamo battere il Guinness World Record con il più grande abbraccio simultaneo agli alberi.

Abbraccia anche tu un albero, fatti una foto e condividila sui social network con #abbraccialo e #festadellalbero

Tutti insieme dunque in piazza Hortis con le letture sotto l'albero assieme al gruppo di lettura e con l'associazione L'una e L'altra e un momento di canto accompagnati dal gruppo delle Canterine di Trieste 

per info: tiziana 328-7908116

Incontro con le api

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

incontro con le apiIncontro con le api

sabato 8 novembre 2014 - Trieste

Ritrovo alle ore 15.00 all’orto di Vicolo delle Rose 44 a Trieste.

Dopo l'esperienza di un anno con il nostro gruppo di apicoltori, assaggeremo il loro miele , ascolteremo la loro storia e con il veterinario Livio Dorigo, impareremo qualcosa di più sulle api 

in collaborazione con ARCI Servizio Civile, Bioest, Stella Alpina Onlus

per info Tiziana Cimolino cell 3287908116 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Stella Alpina cell. 3458451146 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

(Foto da www.ambienteambienti.com)

Letture nel boschetto

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

leggere nel boscoLetture nel Boschetto

domenica 9 novembre 2014

alle 9.30, dal punto di ritrovo del Ferdinandeo, i partecipanti si muoveranno a piedi per raggiungere il gazebo dove alle 10:00 avverrà l’incontro con l’autrice Flavia Scotti de Garcia che ci leggerà alcuni passi del suo libro “Quell’inno chiamato Serbidiola“

Il romanzo, che inizia nel gennaio del 1914 a Trieste, ci riporta al periodo della “belle époque” e alla vita spensierata di un gruppo di giovani: Elviana, sua cugina Lalla, l’amica Gabrielle, l’ufficiale austriaco Hans Jonas, l’irredentista Ernesto, il medico Rodolfo. L’autrice ci descrive come a pennellate luoghi storici di Trieste: piazze, borghi, teatri e caffè, compreso il Boschetto; luoghi che fanno cornice ai personaggi e agli eventi che hanno preceduto la Grande Guerra.

Si procederà con una passeggiata fino a piazza Volontari Giuliani dove ci saranno momenti di animazione per bambini e caldarroste

In caso di maltempo l’incontro avverrà alle 10:00 presso la sede de il Ponte in via Giulia 39/b.

in collaborazione con ARCI Servizio Civile, Bioest, Stella Alpina Onlus

per info Tiziana Cimolino cell 3287908116 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Stella Alpina cell. 3458451146 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Accanto al fuoco al tramontar del sole

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Accanto al fuoco, al tramontar del sole

passeggiata lungo la traversata muggesana
 
SABATO 15 NOVEMBRE 2014 
 
- 14.00 ritrovo a Muggia al capolinea della 20
- passeggiata passando per Muggia Vecchia fino al Ristoro Agrituristico Scheriani che sara’ aperto solo per noi
- 17.00  arrivo all’Agriturismo in tempo per il tramonto, quindi cena al costo di 20 euro bevande escluse
- 21.00 rientro in bus dal Lazzaretto
 
PER PRENOTAZIONI CHIAMARE IL NUMERO 366-5239111 o inviare una mail con i nomi dei partecipanti a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
si raccomanda serieta’ nelle prenotazioni: i posti sono limitati.
 
Avremo modo di osservare un territorio preziosissimo, sia dal punto di vista culturale (visita a Muggia Vecchia lungo il percorso) che da quello naturalistico, gravemente minacciato da progetti disastrosi (rigassificatori) e da dissesto idrogeologico (vedi la recente frana che ha fatto una vittima...). All’Agriturismo Scheriani, situato in splendida posizione a monte di Lazzaretto, potremo ammirare il tramonto del sole nel mare, molto precoce vista la stagione. Li’ troveremo una bella sala con caminetto acceso e una cena "stagionale" ovvero autunnale, accompagnata dagli onesti vini dell'azienda. Una escursione per conoscere meglio ciò che dobbiamo tutelare e per un bel momento conviviale prima dell'inverno.
 
PS: per chi ci crede il tempo, secondo i modelli meteo a lungo termine, dovrebbe essere buono; in ogni caso l’iniziativa si svolgera’ anche in caso di maltempo, eventualmente raggiungendo Muggia Vecchia con il mezzo pubblico.

Piano regolatore di Muggia. Legambiente: “Modificare le previsioni per l’area del Lazzaretto-San Bartolomeo”.

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Piano regolatore di Muggia. Legambiente: “Modificare le previsioni per l’area del Lazzaretto-San Bartolomeo”.

Devono essere modificate le previsioni del nuovo piano regolatore di Muggia per l’area del Lazzaretto-San Bartolomeo. Lo afferma Legambiente, nelle osservazioni inviate ieri al Comune a firma della presidente del circolo Verdeazzurro di Trieste, Lucia Sirocco.

“L’area costiera del Lazzaretto-San Bartolomeo – scrive l’associazione ambientalista – presenta un’elevata qualità ambientale, analoga (se non superiore) a quella dell’adiacente zona del Debeli rtič (Punta Grossa), in cui la Repubblica di Slovenia ha individuato un Sito di Importanza Comunitaria – SIC e una Zona di Protezione Speciale – ZPS, in base ai criteri delle Direttive europee in materia.”

Inoltre, nell’area immediatamente retrostante la strada costiera, è prevista una zona turistica G1, per un insediamento alberghiero di 15 mila metri cubi (edifici di tre piani alti fino a 9,5 m.). “Pur se inferiore ai 38 mila metri cubi di edifici, previsti in quell’area dal vigente piano regolatore – sottolineano gli ambientalisti – l’intervento ammesso nel nuovo piano appare del tutto fuori scala, anche perché andrebbe a cementificare un’area ricoperta di vegetazione boschiva.”

“E’ positivo – conclude Legambiente – che nel nuovo piano regolatore sia scomparsa la previsione di un porto nautico in quella porzione di costa, ma la conclamata esigenza di bloccare il consumo di suolo naturale ed agricolo, insieme alla conclamata fragilità idrogeologica del territorio muggesano, evidenziata purtroppo dai recenti tragici eventi, impongono che l’area del Lazzaretto-San Bartolomeo sia tutelata, evitando nuove invasive urbanizzazioni.

Sono in particolare i fondali marini e la battigia nell’area di Punta Grossa a rivestire un notevole interesse naturalistico: la Slovenia vi ha identificato infatti ben tre habitat prioritari, che si rinvengono anche nella adiacente area in territorio italiano.

Inoltre, la ZPS slovena di Punta Grossa, per la presenza di numerose infrastrutture della maricoltura, rappresenta un’importante area di sosta per una specie prioritaria come il Marangone dal Ciuffo, raro uccello pelagico che frequenta anche alcune zone costiere del Golfo di Trieste.

Il valore ambientale dei fondali marini al Lazzaretto-San Bartolomeo è arricchito poi dalla presenza della “Piattaforma sommersa di Punta Sottile”, geosito di importanza nazionale che presenta caratteristiche morfologiche e paesaggistiche subacquee uniche nell’Adriatico; ragion per cui è stato inserito nel 2009 nell’elenco dei geositi della Regione Friuli Venezia Giulia.

Nei pressi del geosito sono presenti anche resti archeologici romani (moli e peschiere), risalenti al I secolo d.C.

Di tutto ciò il nuovo Piano regolatore di Muggia non pare tener conto: in quell’area sono previsti infatti non meglio specificati “servizi per la balneazione” lungo tutta la fascia costiera. Vanno invece assolutamente evitati, osserva Legambiente, interramenti e la posa di strutture fisse, come pontili e simili, in grado di danneggiare i fondali.

In questa prospettiva, Legambiente ritiene opportuna l’individuazione anche lungo la fascia costiera italiana di un SIC/ZPS analogo e contiguo a quello di Debeli rtič individuato in Slovenia, l’esistenza del quale è ignorata negli elaborati del piano regolatore di Muggia, ancorché imponga necessariamente lo svolgimento di una Valutazione di Incidenza transfrontaliera. Gli interventi previsti nel nuovo piano regolatore, infatti, potrebbero comportare impatti negativi su tale SIC/ZPS.