Su questo sito si usano i cookies. Navigandolo li accetti

Sei qui: Home Energia

Energia

Grado: presentazione della convenzione e del PAESC

PAESC

Martedì 28 novembre alle ore 16.30 presso la sala consiliare del Comune di Grado si terrà un secondo incontro  per la presentazione del progetto messo a punto dall’Amministrazione Comunale in collaborazione con Legambiente. Un esempio di coprogettazione sui temi socio-ambientali tra una Istituzione locale e un’associazione no profit.

Introduce l'incontro Claudio Gaddi, assessore all’Ambiente del Comune di Grado. L'ing. Cristiano Gillardi di Legambiente, illustrerà brevemente la convenzione e i contenuti del PAESC (Piano di azione per l’energia sostenibile e il clima). Conclude l'incontro l’ing. Stefano del Bianco, che illustra lo sviluppo di un piano già concluso.

Qui il link relativo al 1° incontro.

Grado, un progetto sostenibile

GradoIl 9 novembre è stato presentato il Consiglio Comunale di Grado un progetto messo a punto dall’Amministrazione Comunale in collaborazione con Legambiente. Un esempio di coprogettazione sui temi socio-ambientali tra una Istituzione locale e un’associazione no profit. I temi del progetto, di durata triennale riguardano l’energia e la riduzione dei gas serra, l’economia circolare, intesa come efficienza nell’uso delle risorse e la promozione della cultura ambientale.

Leggi tutto...

Monfalcone fuori dal carbone!

Nel corso della conferenza stampa di sabato scorso, Legambiente ha presentato un documento, per chiedere di procedere con la dismissione del carbone nella centrale A2A di Monfalcone e per sollecitare Comune, Regione e A2A a formulare un Piano di riconversione industriale, come previsto nel Piano energetico regionale e riportato anche nel sito dell'azienda energetica.
Legambiente e Comitato "No carbone isontino" invieranno il documento al Sindaco di Monfalcone, Anna Cisint, chiedendo che la questione venga inserita ai primi posti nell'agenda degli impegni dell'Amministrazione.

Il Direttivo del circolo Legambiente "Ignazio Zanutto"

Allegati:
FileDimensione del FileDownloads
Scarica questo file (Documento Fuori dal carbone e  Piano di ricon~.pdf)Documento Fuori dal carbone e Piano di ricon~.pdf545 kB185

Elettrodotto Redipuglia-Udine: opera da abbattere

elettrodottoComunicato stampa, Udine 19 luglio 2016

Legambiente FVG ha trasmesso al Ministero dell’Ambiente la seconda Osservazione allo studio di impatto ambientale di Terna relativo alla linea “Udine Ovest - Redipuglia”, ripresentato da Terna, dopo la bocciatura del Consiglio di Stato. 

Leggi tutto...

Rigassificatore di Zaule: intervenga la Presidente Serracchiani

Zaule rigassificatoreLe associazioni ambientaliste chiedono alla Presidente Serracchiani con una lettera aperta di attivarsi, anche con atti amministrativi, su  alcune importanti novità riguardanti il rigassificatore di Zaule

Trieste, 14 giugno 2016   Comunicato stampa

Le associazioni WWF FVG, Legambiente FVG, FareAmbiente FVG, NoSmog Trieste e Amici del Golfo si rivolgono con una lettera aperta alla Presidente della Regione FVG, Debora Serracchiani, a causa di alcune novità sostanziali emerse recentemente a proposito del rigassificatore di Zaule, che richiedono l'intervento della Presidente regionale.

Leggi tutto...

Una bella, grossa, gatta da pelare

Una bella, grossa, gatta da pelare - Elettrodotto Ud ovest-RedipugliaComunicato stampa, 20 aprile 2016

Una bella, grossa, gatta da pelare.

Il punto di vista di Legambiente FVG in merito al nuovo procedimento di Valutazione di Impatto Ambientale sull'elettrodotto “SE Udine Ovest - SE Redipuglia”, proposto da Terna S.p.a

L'Azienda punta al “condono” dell'opera già realizzata all'80%, avviata e poi bloccata dal Consiglio di Stato

Legambiente del FVG ritiene che il nuovo Studio d'Impatto Ambientale (SIA) proposto da Terna SpA sia un tentativo di arrivare a un “sostanziale condonodel già eseguito, recependo le raccomandazioni previste dalla precedente procedura di VIA, in modo da concludere al più presto e senza ulteriori scossoni l'opera già realizzata per circa l'80 %. Ma questa operazione non incontra il favore dell'Associazione, che ribadisce le carenze già riscontrate nel precedente Studio e ne mette in evidenza le contraddizioni con il quadro strategico del trasporto di energia elettrica oggi esistente.

Leggi tutto...