Su questo sito si usano i cookies. Navigandolo li accetti

Sei qui: Home Temi Acqua Isonzo il fu fiume di smeraldo 2

Isonzo il fu fiume di smeraldo 2

fiume Isonzo Soca

Dopo Santa Lucia d'Isonzo aperte le paratoie della diga di Ajba, continuano a scendere fanghi e limi. Erano iniziati circa due settimane fa i lavori di svuotamento del bacino di Santa Lucia d'Isonzo, cosa che ha provocato lo sversamento nelle acque del fiume di tonnellate di sedimenti fini che ne hanno fatto cambiare il colore, dal bel smeraldino ad un grigio fango causando danni alla fauna ittica.

Ebbene l'altro ieri è stato aperto anche il secondo bacino,​ quello dell​a diga ​di Ajba​,​ ​che è stato abbassato di c​irca 6​-​8m per il blocco della centrale ​idroelettrica ​di Avce per eccessiva presenza di sedimento​. Nel bacino di Ajba si sono formati​ grandi accumuli di sedimenti lim​osi che con lo svuotamento del bacino proseguono la strada ve​f​so la diga di Salcano. ​Risultano gravemente compromesse le popolazioni ittiche sul tratto intermedio ​in Slovenia e ​co​l rischio ​di ​possibili ​danni ​sul ​tratto italiano​ man mano che i sedimenti scenderanno a valle​. ​Le Associazioni di Salviamo l'Isonzo sono molto preoccupate per l'ecosistema acquatico e stanno monitorando la situazione, e hanno già ricevuto una prima risposta solerte da parte della Regione​ e dell'Autorità di Bacino di Venezia che hanno dichiarato non essere a conoscenza di queste operazioni. Si tratta di una prova evidente che una reale cooperazione per la gestione ecosostenibile del fiume fra Italia e Slovenia non esiste. Le Associazioni ​​ - ​tramite ​gli europarlamentari Schlein e Zullo​ - ​stanno proseguendo il dialogo con l'Unione Europea​​ ​per chiedere un suo intervento.   ​​

Associazione Ambientalista Eugenio Rosmann, Associazione Fiume Isonzo, Legambiente Gorizia, Legambiente Monfalcone, Associazioni ​​Ohranimo Sočo

Allegati:
FileDimensione del FileDownloads
Scarica questo file (unnamed.jpg)Isonzo-soca66 kB63