Su questo sito si usano i cookies. Navigandolo li accetti

Sei qui: Home Temi Energia Legambiente: sacrosanto il NO della Regione al rigassificatore Smart Gas

Legambiente: sacrosanto il NO della Regione al rigassificatore Smart Gas

smart gasMonfalcone, 18 luglio 2015

Legambiente esprime soddisfazione per il parere negativo della Regione al progetto del rigassificatore Smart Gas. Troppe le lacune, come avevamo sottolineato nelle osservazioni inviate al Ministero e alla Regione, di un progetto che di strategico non ha proprio nulla e che, al contrario, pone grossi problemi e vincoli all’accessibilità del Porto di Monfalcone, non dà risposte sugli impatti paesaggistici e non è credibile dal punto di vista della sostenibilità economica.

Ora la Regione deve stralciare dagli indirizzi del Piano Energetico Regionale (attualmente in fase di pubblica discussione) la parte in cui, in contraddizione con il parere espresso oggi, avvalla in maniera alquanto azzardata il progetto di un mini rigassificatore; evidentemente una manina amica tra i consiglieri regionali ha voluto inserire nel PER questa forzatura e oggi qualcuno dovrebbe sentire l’obbligo di fornire qualche spiegazione. Ora la decisione finale passa alla Commissione VIA del Ministero dell’Ambiente, ma sarebbe uno schiaffo istituzionale se l’orientamento della Regione fosse disatteso.

Confortati da questo NO, insistiamo a chiedere un deciso passo avanti e una forte presa di coscienza collettiva per uscire al più presto da uno scenario energetico che si basa sui combustibili fossili, procedendo più rapidamente per un futuro tutto rinnovabile. Il report “State of the Climate in 2014" conferma che il 2014 è stato l’anno più caldo a livello mondiale da quando si registrano sistematicamente le temperature. I principali indicatori continuano a segnare nuovi record. La concentrazione atmosferica media della CO2 nel 2014 è arrivata a 397,2 ppm. Era a 354 nel 1990. Per questo motivo è necessario chiudere al più presto anche con il carbone! La centrale termoelettrica non ha più futuro e la Regione, che su questo, da quanto riportato sul PER, sembra determinata, deve intavolare al più presto un dialogo con A2A per individuare le tappe per una riconversione sostenuta da scelte innovative nel campo dell’energia.