Su questo sito si usano i cookies. Navigandolo li accetti

Sei qui: Home Temi Energia MARCIA GLOBALE PER IL CLIMA

MARCIA GLOBALE PER IL CLIMA

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Marcia globale per il climamarcia globale per il clima 

29 novembre 2015

considerazioni a posteriori

 

 

{tab=LA MARCIA IN REGIONE}

 Marcia per il clima 2015 - foto Marcia per il clima 2015 - foto 

COMUNICATO STAMPA     26 novembre 2015

Anche a Trieste domenica 29 novembre – come in altre migliaia di località di tutto il mondo – molte persone e associazioni si riuniranno per sensibilizzare i concittadini e le autorità sulla lotta ai cambiamenti climatici e per la riduzione delle emissioni di gas serra.

Il vertice mondiale di Parigi COP21, che si svolgerà dal 30 novembre all'11 dicembre, dovrà produrre accordi vincolanti per bloccare l'innalzamento della temperatura globale. In caso contrario, la vita delle persone, gli ecosistemi, intere città e territori sono minacciati da disastri naturali, alluvioni, carestie e dai conflitti e migrazioni  che ne nasceranno.

La Coalizione Italiana per il Clima, che riunisce centinaia di associazioni, e la comunità di Avaaz, a cui partecipano migliaia di giovani, stanno organizzando la marcia a Roma e in tutta Italia.

A Trieste la Coalizione ed Avaaz hanno deciso di unire le forze, per cui l'evento viene organizzato insieme.
Le 26 associazioni che promuovono l'iniziativa sono:
Avaaz, Acli, AIAB-FVG, Arci Servizio Civile, Arci Trieste, BdM Senza Confini Brez Meja, Bioest, CCdL-UIL, CGIL, Centro Italo-Sloveno Trieste, Comitato Pace e Convivenza Danilo Dolci, COPED-CamminaTrieste, Federconsumatori, FIAB Trieste Ulisse, Forum regionale Acqua Bene Comune, ISDE, Kmečka Zveza, Konrad, Legambiente, Marevivo, Rete della Conoscenza, Slow Food, UISP, Unione degli Studenti, WWF, ZSKD
La presenza di associazioni così diverse: ambientali, culturali, sindacali, ricreative, sportive, studentesche, testimonia il fatto che il problema dei cambiamenti climatici riguarda tutti noi e viene visto come uno dei problemi più urgenti con cui si confronta l'umanità.

A Trieste la “marcia” sarà una grande festa con animazione, giochi, letture, musica, destinato soprattutto ai giovani, ai bambini ed alle famiglie, per partecipare tutti a questo momento di importanza storica.

Interverranno gli animatori di Arci Trieste, i gruppi musicali Drifting Waves e Azoto liquido, i giovani di Acli e Arci Servizio Civile leggeranno i testi sui cambiamenti climatici, un gruppo di ciclisti di Fiab Trieste Ulisse testimonierà di come ci si può muovere e divertirsi senza produrre gas a effetto serra.

Ricordiamo che sabato 28 in via di Cavana dalle ore 16 l'Unione degli Studenti organizza un Concerto per l'Ambiente "Ossigeno Musicale", con la partecipazione di diversi gruppi, proprio per promuovere la marcia per il clima e una riflessione sui cambiamenti climatici, e che la marcia si terrà domenica anche a Ljubljana, a Gorizia e a Udine alle ore 15 alla Loggia del Lionello.

Per le associazioni organizzatrici Andrea Wehrenfennig       cell. 3887219510

http://www.coalizioneclima.it
gruppo facebook: Marcia per il clima a Trieste

{tab=LA MARCIA IN ITALIA}

2 DICEMBRE 2015

      <<Cari e care,

la Marcia per il clima  che si è tenuta a Roma il 29 novembre ha avuto un grande successo, senza precedenti ed oltre le più rosee aspettative.
Le foto sul sito rendono un po’ l’idea  - www.flickr.com/photos/legambiente/23125180200/in/album-72157661149876309

Tante organizzazioni diverse e migliaia di cittadini e cittadine di tutte le età hanno sfilato per chiedere un accordo equo ed efficace alla Cop21, in un clima di pace. Insieme a tanti altri popoli, in ogni parte del mondo.

Non era scontato che accadesse. Persone di tutte le età sono scese in strada a manifestare su tematiche di interesse generale, in modo gioioso, superando il clima di paura che è stato alimentato strumentalmente dopo i tragici fatti di Parigi.

La straordinaria partecipazione rappresenta però anche un fatto politico nuovo, di cui dobbiamo saper tenere conto nel continuare a promuovere l’impegno diffuso contro i cambiamenti climatici.

Il fatto nuovo molto positivo è che alla manifestazione hanno partecipato tante organizzazioni che non provengono dalla cultura ambientalista. Plasticamente era evidente l’intreccio degli aspetti ambientali, economici, sociali, geopolitici costituito dai cambiamenti climatici. E SOPRATTUTTO C’ERANO CENTINATA DI SINGOLI CITTADINI/E SENZA APPARTENENZE. Insomma, è stata una manifestazione non dell’élite ambientalista italiana ma una vera e propria manifestazione popolare.  Abbiamo finalmente abbattuto i confini, anche se ampi, dell’ambientalismo e si comincia a intravede il popolo in marcia per il clima.

Per noi tutti di Legambiente questo evento costituisce un punto di svolta nella nostra azione. Abbiamo la prova e la consapevolezza che c’è una sensibilità diffusa verso i nostri temi, che ha bisogno di essere organizzata e rappresentata per farla entrare nell’agenda delle decisioni politiche ed economiche che contano. Possiamo e dobbiamo esplorare senza timidezze altri e nuovi luoghi sociali, con nuove modalità, oltre che mettere in rete e far contare  i numerosi e vari soggetti collettivi e singoli, organizzati e non, con cui negli anni abbiamo costruito relazioni fuori dall’ambito strettamente ambientalista. Sarà chiaramente oggetto di confronto nel prossimo congresso nazionale (info: congresso.legambiente.it )  il come rilanciamo la nostra azione a tutti i livelli territoriali, farlo dopo un grande successo “viene meglio”.

Chiaramente non possiamo trattenere l’orgoglio di essere stati in tanti come Legambiente, provenienti da molti territori ed aver partecipato a numerose marce locali in tutt’Italia. Grande prova da parte di circoli e regionali di Legambiente! Siamo stati noi a promuovere la Coalizione Italiana per il clima, che ha avuto l’adesione di oltre 200 organizzazioni nazionali e locali, a coordinarla e a guidarla perché mantenesse un carattere aperto a tutte le sensibilità e catalizzasse l’attenzione e l’impegno anche di chi è lontano da noi. Il tutto con tanto lavoro e passione ma sempre con leggerezza e allegria. Di questo risultato  siamo grati in particolare ad Edoardo Zanchini, Maria Maranò e Katiuscia Eroe che ci hanno condotto in piazza con grande coraggio e un successo che ci fa guardare al futuro con grande ottimismo.

Un grazie di cuore ha chi ha lavorato anche fisicamente alle marce scaricando furgoni, curando la comunicazione, volantinando,realizzando materiali, insomma Legambiente....!

Un caro saluto e buon lavoro

Vi aspettiamo a Milano

Vittorio Cogliati Dezza, presidente nazionale Legambiente
Rossella Muroni, direttrice generale Legambiente>>

{tab=LA MARCIA NEL MONDO}

Ecco i numeri e le foto resi pubblici da Avaaz sulla Marcia per il clima che si è svolta in tutto il pianeta: QUI