Su questo sito si usano i cookies. Navigandolo li accetti

Sei qui: Home Temi Territorio e Paesaggio Centro commerciale di Latisana e asfaltatura pista di volo di Osoppo

Centro commerciale di Latisana e asfaltatura pista di volo di Osoppo

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

CENTRO COMMERCIALE DI LATISANA E ASFALTATURA PISTA DI VOLO DI OSOPPO: STOP ALLA CEMENTIFICAZIONE DEL TERRITORIO!

Udine,24 gennaio 2017

La cementificazione del territorio è uno di più importanti e sottovalutati problemi ambientali del Paese, cosa che porta alla riduzioni delle aree agricole, al deturpamento del paesaggio, all'alterazione dei flussi idrologici e alla frammentazione degli ecosistemi.
Studi condotti dall'Istituto Superiore per la Ricerca e la Protezione Ambientale posizionano il Friuli ai primi posti in Italia per superfici agricole che sono state trasformate per fare posto a centri commerciali, strade, capannoni e case. Eppure continuano a fiorire progetti di nuove aree commerciali ed espansioni delle esistenti; questo va di pari passo ad altrettante chiusure.

 

Fanno coro anche i dati forniti da IRES FVG che collocano al primo posto il Friuli e la provincia di Udine per metri quadrati di superfici della grande distribuzione organizzata ogni 1000 abitanti. A fronte di tutto ciò a Latisana si decide di costruire un altro (l'ennesimo) centro commerciale da ben 20 ettari! Oggi l'Amministrazione latisanese rassicura che stano facendo solo dei passaggi urbanistici (=burocratici) ma quelli sono palesemente i presupposti per il progetto vero e proprio e dubitiamo fortemente che l'Amministrazione non sappia nulla visti i rapporti intercorsi con i proponenti e i le ricostruzioni viste sulla stampa. Peraltro la convenzione fra Comune e proponente è stata firmata solo a fine 2016, per cui si sarebbe potuto rivedere la proposta edificatoria progettata oltre 5-6 anni fa considerato che il piano attuativo acquisisce efficacia esclusivamente con la sottoscrizione della convenzione stessa.

L’altro caso riguarda l'autorizzazione al Comune di Osoppo per una variante urbanistica volta a consentire l'asfaltatura di 2 ettari di terreno prativo nell'ambito dell'aviosuperficie attigua alla Zona di Protezione Speciale del Medio Tagliamento. Da parte sua il Comune ha adottato a ottobre una specifica variante volta al cambio di destinazione d'uso. Contro questi provvedimenti Legambiente ha presentato nota alla Regione ed allo stesso Comune chiedendo la rettifica dei relativi atti. Le motivazioni, espresse nelle note, si incentrano principalmente sull’importanza ambientale del territori.

Infatti la zona di Osoppo si qualifica per la grande valenza ambientale rappresentata in particolare dal sito comunitario Medio Tagliamento, dal fiume stesso, dal geosito del Forte e dalle numerose risorgive; è uno dei pochi se non l'unico sito regionale, che può vantare un'estensione considerevole dei prati stabili, la cui importanza è riconosciuta unanimemente; è il “paese delle orchidee”; il territorio è attraversato dalla pista ciclabile di Alpe Adria, il cui tracciato costeggia proprio l'aviosuperficie e dal prossimo ripristino della ferrovia Gemona-Sacile. E la zona industriale? Legambiente propone che la zona industriale si doti di un sistema di gestione ambientale d’area, promuova lo sviluppo di economie green utilizzando i capannoni dismessi.

Proprio quest'anno le principali associazioni ambientaliste europee, istituti di ricerca, associazioni degli agricoltori stanno raccogliendo le firme per chiedere formalmente all'Unione Europea una direttiva per la protezione del suolo. Questo infatti rappresenta una delle principali risorse strategiche dell'Europa, in quanto garantisce la sicurezza alimentare, la conservazione della biodiversità e la regolazione dei cambiamenti climatici. È giunto il momento di proteggere i suoli europei, per questo servono almeno 1 milione di firme che si possono raccogliere online all'indirizzo www.people4soil.eu