Su questo sito si usano i cookies. Navigandolo li accetti

Sei qui: Home Temi Mobilità e trasporti 100 MORTI ALL'ANNO SULLE STRADE DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

100 MORTI ALL'ANNO SULLE STRADE DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

100 morti all'anno sulle strade del FVGTrieste, 13 novembre 2015 comunicato stampa

FIAB, Legambiente e Uisp chiedono interventi per tutelare gli utenti deboli

Muoversi in città sta diventando sempre più pericoloso a causa della presenza eccessiva di traffico motorizzato che satura gli spazi e rende le strade meno sicure per tutti, soprattutto per pedoni e ciclisti.

Gli ultimi dati Aci-Istat relativi agli incidenti stradali del 2014¹ mostrano che in ambito urbano in Italia si concentrano il 75,5% degli incidenti e il 44,5% dei morti con un incremento della mortalità del +5,4% rispetto al 2013. Tornano a crescere il numero delle vittime tra i pedoni (578 morti, +4,9% rispetto al 2013) e i ciclisti (273 morti, +8,8% rispetto al 2013). Fra chi viene coinvolto in un incidente chi è in bicirischia la vitail doppiodi chi è in macchina e chi è a piediaddirittura il quadruplo.

Quanto alla geografia degli incidenti la classifica delle regioni più mortali vede il Friuli Venezia Giulia²al terzo posto dietro solo a Valle d'Aosta e Molise con il dato dei morti ogni 100.000 abitanti di 8,1 (la media italiana è di 5,5) e cento morti nel 2014, con un aumento del 20,5% del numero di morti rispetto al dato dell'anno precedente.

Questi dati mostrano l'importanza e l'urgenza di continuare ad investire nel Friuli Venezia Giulia sulla sicurezza stradale, in particolare nelle città e a tutela degli utenti deboli. In questa direzione è andato il bando regionale sulle zone 30 aperto questa primavera che ha destinato un milione di euro per progetti di zone 30. FIAB, Legambiente e Uispchiedono al Consiglio regionale e alla Giunta Serracchiani di dare continuità a questo impegno inserendo nella prossima finanziaria regionale una somma almeno pari a quella messa a disposizione lo scorso anno per realizzare interventi di moderazione alla velocità e di messa in sicurezza dei percorsi casa-scuola. Le associazioni ricordano che farlo oltre a ridurre la pericolosità delle città avrebbe ricadute positive sulla spesa sanitaria, nella promozione della mobilità sostenibile e nella crescita dell'autonomia tra i bambini e ragazzi.

Anche nelle città del Friuli Venezia Giulia il limite di 30 chilometri orari in ambito urbano, già adottato da città come Reggio Emilia, Treviso e Vicenza, deve diventare la regola, mentre il limite di 50 deve essere l'eccezione per le principali arterie di scorrimento. Questa misura ha portato dove è stata applicata il dimezzamento degli incidenti (la minor velocità diminuisce lo spazio di frenata ed aumenta il cono visivo) e una drastica riduzione di quelli gravi e mortali (un impatto tra un'auto e un pedone a 50 km/h ha l'80% di probabilità di essere mortale, a 30km/h il 15%).

per info e contatti: Federico Zadnich - 3701306804

¹ www.istat.it/it/archivio/172481

² www.istat.it/it/archivio/173252