Su questo sito si usano i cookies. Navigandolo li accetti

Sei qui: Home Temi Mobilità e trasporti Legambiente: alta velocità Ronchi-Trieste, quanti soldi sprecati e tempo perduto

Legambiente: alta velocità Ronchi-Trieste, quanti soldi sprecati e tempo perduto

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

alta velocità Ronchi-Trieste, quanti soldi sprecati e tempo perdutoComunicato stampa Udine, 16 maggio 2016

E' da quindici anni che Legambiente sostiene che il progetto della linea ferroviaria AV/AC Venezia-Trieste non è realizzabile sia dal punto di vista ambientale sia da quello economico e trasportistico.
Nelle sue osservazioni alla VIA (Valutazione di Impatto Ambientale) nel 2003 e nel 2011, Legambiente rilevava che la tratta Ronchi-Trieste, quasi tutta in galleria, avrebbe incontrato un numero imprecisato di cavità carsiche e avrebbe fortemente danneggiato il delicatissimo ambiente idrico sotterraneo.


Per le due canne della galleria, il progetto prevedeva uno scavo meccanizzato con fresa scudata: il Carso sarebbe stato riempito di cemento armato per sostenere i conci prefabbricati della galleria.
Finalmente, la commissione nazionale VIA ha preso atto della realtà e ha dato parere negativo sul progetto. Peccato però che nel frattempo tanti soldi e tante energie siano state spese per nulla, invece di realizzare fin dal 2000 quanto Legambiente ha proposto – l'ammodernamento e completamento della rete esistente – e che ora la stessa amministrazione regionale del Friuli Venezia Giulia ha deciso di sostenere, al posto del fantasma TAV/TAC.
Legambiente quindi invita la Regione a far realizzare quanto prima i promessi interventi di velocizzazione e miglioramento tecnologico della linea attuale, senza dimenticare però che parecchi interventi utili a migliorare l'efficienza della rete transfrontaliera – come la linea Trieste Campo Marzio-Opicina e le due lunette di Gorizia – sono fermi per mancanza totale di finanziamenti.
A chi per tanti anni ha sostenuto lo spreco di fondi pubblici in progetti irrealizzabili (le giunte regionali precedenti, quasi tutte le forze politiche, esponenti dell'economia e i media) chiediamo di essere meno ideologici e pensare che ogni progetto deve essere valutato per quello che è (cosa che Legambiente ha fatto fin dall'inizio).

Legambiente FVG