Questo sito internet utilizza i cookie
per analizzare il nostro traffico e fornire le funzioni dei social media. Se continui ad utilizzare questo sito web o fai clic su “Ho capito” acconsenti ai nostri cookie.

 

Sei qui: Home Circoli Gorizia

Circolo di Gorizia

Circolo di Gorizia

E' nato il Coordinamento contro l'Ascensore al Castello di Gorizia. Presente anche Legambiente

Primo comunicato stampa del “Coordinamento delle Associazioni contro l’ascensore di Gorizia”

In data 7 febbraio 2011 presso la sede della rivista Isonzo-Soča, ospitate dall’Associazione Culturale Forum per Gorizia (che – precisiamo in seguito agli erronei articoli apparsi sulla stampa i giorni scorsi – non ha svolto altro ruolo se non quello di ospitare la riunione e di prenderne parte alla pari degli altri gruppi), si sono riunite spontaneamente, dando vita ad un “Coordinamento delle Associazioni contro l’ascensore di Gorizia”, sei associazioni cittadine che operano in vari ambiti – il Gruppo Archeologico Goriziano, Ambiente Italia, Legambiente Gorizia, Italia Nostra, il Forum per Gorizia, il Gruppo Scout Agesci Gorizia 2 e l’associazione Principesca Contea di Gorizia – per discutere e prendere posizione pubblica comune in merito al progetto dell'impianto di risalita al Castello di Gorizia, da noi ritenuto per molte ragioni inutile, diseconomico, deturpante il patrimonio paesaggistico e culturale.

Leggi tutto...

Bene la riqualificazione delle Casermette, ma non dimenticarsi delle zone boschive

Ben venga l'azione di bonifica proposta dal Comune nelle zone di via degli Scogli/Casermette, e via
Terza Armata, ma vorremmo si prendessero in seria considerazione tutte le aree boschive
prospicienti l'Isonzo e quelle sul Monte Calvario soggette all'abbandono di rifiuti da molti
decenni e nelle quali non si è fatto molto. In queste aree si trova di tutto. Come abbiamo
testimoniato, con diverse foto scattate durante “Puliamo il Mondo” questo autunno, ci sono
anche veicoli, batterie (pericolose per il rilascio di piombo), elettrodomestici, e il classico
ethernit che non manca mai. Attivare un'azione di riqualificazione pianificata di queste aree, se
possibile ottenendo fondi dalla regione, potrebbe essere l'occasione per risolvere per buona parte
il problema. Certo poi si confida nell'intelligenza delle persone visto che esiste una discarica
comunale ben organizzata dove poter conferire gratuitamente le tipologie di rifiuti più disparate.

Macelleria verde...

E' stato proprio un lavoro di bassa manovalanza, avrebbero potuto forse avere l'accortezza di contattare un botanico, un esperto. “Ma niente, che si poti e poi si vedrà!” Così devono aver pensato i responsabili concessionari prima di far capitozzare i pioppi (Populus alba) che costeggiano la strada al limitare della ridente spiaggia, tra il parco acquatico e la pineta, a Grado. Legambiente Gorizia segnala ancora una volta questa malsana e perversa tecnica di potare gli alberi. La capitozzatura infatti è una tecnica di potatura “spinta” che consiste nell'eliminare la parte sommitale della pianta. Andrebbe attuata solo in casi di estrema gravità della salute della pianta (ad esempio in caso di forti malattie o traumi radicali), in tal caso non pare le piante soffrissero di traumi o malattie tali da giustificare un intervento simile. Eppure si è proceduto senza tanta noncuranza andando così non solo a pregiudicare la vitalità e la sicurezza delle piante (forse speravano di ottenere l'effetto contrario!) ma anche a rovinare paesaggisticamente per diversi anni quell'angolo di spiaggia e sottraendo pure l'ombra ristoratrice ai bagnanti!

Consigliamo al Comune di Grado di dotarsi, come altri hanno già fatto, di un regolamento associato ad un piano del verde che prescriva quali trattamenti ed interventi i privati possono fare e quali no ed indicando dunque le strategie da seguire per mantenere vivo e vitale il patrimonio verde cittadino.

 

Luca Cadez

[Articolo scritto per Isonzo-Soča e pubblicato sul n° 88 di settembre/ottobre/novembre 2010]

Allegati:
FileDimensione del FileDownloads
Scarica questo file (grado_6.JPG)grado_6.JPG664 kB731
Scarica questo file (grado_4.JPG)grado_4.JPG655 kB702

Anche a Gorizia la Festa dell'Albero!

Festa dellAlbero 2010Sabato scorso si è tenuta l'edizione locale della Festa dell'Albero organizzata da Legambiente, Comune di Gorizia e Presidio Ospedaliero. Nel corso della mattinata sono stati messi a dimora diverse decine di alberi di varie essenze presso il nuovo ospedale civile andando così a rinverdire le aree verdi rimaste vuote consentendo di ottenere un risultato concreto: creare una barriera verde fra la ferrovia e l'ospedale che permetterà di ridurre l'inquinamento acustico ed aiutare a meglio integrare dal punto di vista paesaggistico la struttura ospedaliera al resto della città; siamo anche certi che il verde non potrà che giovare ai pazienti diventando, una volta cresciuti gli alberi, un piccolo parco. L'iniziativa è stata portata avanti assieme al comitato “Voglio nascere a Gorizia” ribadendo l'imprescindibilità di una struttura parti per una città come Gorizia. Oltre a ciò si è voluto anche rilanciare anche la legge 113/1992 (cd legge 'Ruteli') che impone la piantumazione di un albero per ogni nato. 
Alla piantumazione degli alberi hanno partecipato i genitori del comitato, gli alunni della classe 1° A della Scuola media Perco; e gli operai del verde del Comune ai quali porgiamo un sentito ringraziamento per il lavoro svolto.
I vari partecipanti hanno scritto una dedica, come da tradizione, che sarà collocata alla base dell'albero piantato.

 

Forti perplessità del Circolo Legambiente sull'ascensore al Castello di Gorizia

Legambiente ritiene doveroso presentare alcune obiezioni e perplessità in merito all’impianto di risalita al castello. Innanzitutto l’opera comporterebbe un non trascurabile impatto paesaggistico e visivo, infatti, sebbene a livello della piazza l’impianto non sarà visibile, basterà cambiare prospettiva, allontanandosi e guardando il colle da Est e Sudest per poter vedere sia la stazione di risalita che l’ascensore vetrato.
Altro aspetto rilevante è quello riguardante la mobilità: un impianto di tale portata è palesemente sproporzionato rispetto alle esigente di mobilità urbana. Opere del genere sono giustificate in città come Bergamo, che ha una popolazione tre volte superiore a Gorizia, in cui il traffico urbano diventa veramente importante, oppure come Orvieto in cui il dislivello tra la parte bassa e quella alta del comune è di 160 metri, a Gorizia sarebbero meno di 60 metri.

Leggi tutto...

Il solare a Gorizia: istruzioni per l'uso

Legambiente Gorizia, col patrocinio della Provincia di Gorizia organizza la conferenza:

IL SOLARE A GORIZIA:
ISTRUZIONI PER L'USO

Venerdì 19 novembre 2010 ore 18.00
Sala conferenze del Liceo classico
viale XX Settembre 12 - Gorizia




Che differenza c'è tra il solare termico e fotovoltaico? 
Quanto costa un impianto e quanto mi fa risparmiare? 
Come si installa un impianto?
A queste e altre domande cercheremo di dare risposta in questo breve incontro pensato per tutti coloro che sono semplicemente incuriositi o che sarebbero interessati al solare me che non sanno da dove partire. L'incontro sarà diviso in tre parti: in una prima parte saranno illustrati i sistemi termici (produzione di acqua calda) e fotovoltaico (produzione energia elettrica), in una seconda parte si illustreranno i metodi di finanziamento, seguirà una fase di dibattito con la possibilità di fare domande agli esperti.

Introducono:
Luca Cadez, Presidente di Legambiente Gorizia
Mara Cernic, Assessore all'Ambiente della Provincia di Gorizia

Relatori:
Alessandra Lepore - resp. sportello energia di Legambiente F.V.G.
Referenti progetto GOEliosFamily delle Banca Popolare di Cividale
e della Federazione Banche di Credito Cooperativo del F.V.G.

Pubblicato Lunedi 08 Novembre 2010 - 20:13 (letto 225 volte)