Questo sito internet utilizza i cookie
per analizzare il nostro traffico e fornire le funzioni dei social media. Se continui ad utilizzare questo sito web o fai clic su “Ho capito” acconsenti ai nostri cookie.

 

Sei qui: Home Circoli Gorizia Fortezza FVG

Fortezza FVG

Fortezza FVG - incontro a GoriziaFortezza FVG: 
problematiche della dismissione delle aree militari e misura del fenomeno

17 FEBBRAIO / 18.00 / FONDAZIONE CARIGO

Nell'ambito della mostra "Soldati. Quando la storia si racconta con le caserme" vi invitiamo a questo evento presso la Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, con la collaborazione di Legambiente FVG e Legambiente Gorizia.

Legambiente FVG dal 2014 ha iniziato un lavoro di indagine sul tema delle aree militari dismesse per cercare di capire lo stato del problema. Le prime indagini hanno dato vita a un volume, FortezzaFVG - Edicom 2015, che è stato il primo lavoro organico che ha cercato di descrivere il processo di costruzione e di dismissione di questa infrastruttura regionale. Oggi l’associazione è impegnata in un censimento partecipato e popolare dei luoghi abbandonati dai militari. Si tratta di una indagine che coinvolge decine di soci e simpatizzanti che cercano di descrivere i residui della guerra fredda sparsi ancora nel territorio.

Il Friuli Venezia Giulia è un importante pezzo della storica Cortina di Ferro e l’associazione si sta mobilitando, con altre realtà regionali, per chiedere l’istituzione di un museo territoriale della Guerra Fredda che selezioni i più significativi “fossili” di queste straordinarie pratiche territoriali per renderli visitabili e comprensibili all’interno dei territori che hanno avuto un forte impatto ambientale procurato dalle pratiche della guerra.

La memoria dell’evento bellico mai guerreggiato non deve essere semplicemente cancellata per rigenerare le aree. In parte il ricordo di quell’epoca che contrapponeva blocchi ideologici deve essere conservato per integrarsi con altri residui della recente storia europea.

Interverrà l'architetto Moreno Baccichet curatore scientifico del progetto di Legambiente.