Questo sito internet utilizza i cookie
per analizzare il nostro traffico e fornire le funzioni dei social media. Se continui ad utilizzare questo sito web o fai clic su “Ho capito” acconsenti ai nostri cookie.

 

Sei qui: Home Circoli Gorizia E' nato il Coordinamento contro l'Ascensore al Castello di Gorizia. Presente anche Legambiente

E' nato il Coordinamento contro l'Ascensore al Castello di Gorizia. Presente anche Legambiente

Primo comunicato stampa del “Coordinamento delle Associazioni contro l’ascensore di Gorizia”

In data 7 febbraio 2011 presso la sede della rivista Isonzo-Soča, ospitate dall’Associazione Culturale Forum per Gorizia (che – precisiamo in seguito agli erronei articoli apparsi sulla stampa i giorni scorsi – non ha svolto altro ruolo se non quello di ospitare la riunione e di prenderne parte alla pari degli altri gruppi), si sono riunite spontaneamente, dando vita ad un “Coordinamento delle Associazioni contro l’ascensore di Gorizia”, sei associazioni cittadine che operano in vari ambiti – il Gruppo Archeologico Goriziano, Ambiente Italia, Legambiente Gorizia, Italia Nostra, il Forum per Gorizia, il Gruppo Scout Agesci Gorizia 2 e l’associazione Principesca Contea di Gorizia – per discutere e prendere posizione pubblica comune in merito al progetto dell'impianto di risalita al Castello di Gorizia, da noi ritenuto per molte ragioni inutile, diseconomico, deturpante il patrimonio paesaggistico e culturale.


I principali problemi emersi in merito al progetto sono i seguenti:
inutilità  dell'opera poiché, in base alle rilevazioni effettuate alla fine dello scorso anno, l'afflusso turistico a Gorizia è diminuito del 17% tra il 2009 e il 2010, e allo stato attuale non è presente alcun programma sistematico di sviluppo e valorizzazione culturale tale da giustificare un'opera di queste dimensioni (programma che tra l'altro dovrebbe precedere opere di collegamento). L’attrattiva a salire in Castello non potrà mai essere la realizzazione dell’ascensore in sé e per sé, ma per esempio un percorso turistico che comprenda il Castello stesso ed altri luoghi significativi come i Musei Provinciali, il Parco Coronini, e magari anche siti extra-cittadini come il Collio o Gradisca, o la realizzazione di piste ciclabili o del tanto millantato “Museo dell’Isonzo”;
costo dell'opera, in quanto le spese per la sola realizzazione si aggirano attorno ai 4 milioni di euro, ed è già nota la mancanza di copertura finanziaria dell’opera al 100%, in quanto le cabine non sono incluse nel finanziamento regionale col quale verranno invece realizzate le infrastrutture; visti anche altri progetti analoghi ipotizziamo che i costi di gestione ordinaria non saranno sicuramente inferiori ai 100.000 € annui, ed è impossibile, per recente ammissione dello stesso Assessore Del Sordi, che vengano interamente coperti dal pagamento del biglietto dell’ascensore da parte dei suoi fruitori, andando così a gravare ulteriormente sul bilancio comunale e ricadendo quindi sulle tasche dei cittadini, o comportando il taglio di altri servizi invece essenziali;
deturpamento del patrimonio paesaggistico e storico-archeologico: l'impianto ha già provocato il parziale disboscamento del colle, prevede la distruzione una parte della cinta muraria cinque-seicentesca – uno dei pochi esemplari ancora completi nell’ambito di una cittadella fortificata tardo-rinascimentale, come si evince dalla pubblicazione effettuata in merito da Italia Nostra nel 2008 – rovinerà la vista del castello che si ha dal centro di Gorizia con la costruzione di un belvedere, ed utilizzerà un torrione per la realizzazione del terzo ascensore; inoltre la stazione di arrivo e l’ascensore vetrato, ben visibili da lontano, provocheranno una rottura visiva ed una profonda incoerenza fra il castello, il colle verde e il profilo degli edifici del centro storico, ben lontani dall'idea di un'opera a basso impatto visivo prevista in prima istanza. Non sono infine da escludere eventuali rischi idro-geologici, vista la qualità del substrato sul quale poggerà l’opera;
mancato abbattimento delle barriere architettoniche, dal momento che una volta giunti nella fortezza con la risalita meccanica i percorsi all'interno del Castello rimarranno preclusi a persone diversamente abili (problema risolvibile con l’acquisto di speciali carrozzine di dimensioni ridotte, già adottate altrove per scopi analoghi, e con l’assunzione di personale deputato esclusivamente alla loro movimentazione) come tutta la zona di borgo castello.
Abbiamo inoltre potuto appurare che con un bus, elettrico o tradizionale, che da p.zza Vittoria arrivi fino all'ingresso del Castello ed un budget di 100.000 € annui, ovvero i soldi previsti nella più rosea delle ipotesi come costi di gestione degli ascensori, si potrebbe ottenere un servizio meno impattante dal punto di vista storico-ambientale, più ecologico, meno dispendioso, e dotato di una maggiore flessibilità nei confronti delle esigenze del flusso turistico locale.
Per tutte queste ragioni e per altre attualmente ancora in fase di analisi, il “Coordinamento delle Associazioni contro l’ascensore di Gorizia” si riunirà, presumibilmente con cadenza regolare, per studiare soluzioni alternative da proporre e per avviare di concerto una serie di iniziative volte a sensibilizzare la popolazione nei confronti dei problemi che la realizzazione e manutenzione dell’impianto di risalita comporterà.

Coordinamento delle Associazioni contro l’ascensore di Gorizia.