Questo sito internet utilizza i cookie
per analizzare il nostro traffico e fornire le funzioni dei social media. Se continui ad utilizzare questo sito web o fai clic su “Ho capito” acconsenti ai nostri cookie.

 

Sei qui: Home Circoli Monfalcone Stop carbone a Monfalcone: A2A segua l'esempio di Vado Ligure

Stop carbone a Monfalcone: A2A segua l'esempio di Vado Ligure

A Vado Ligure Tirreno Power abbandona il carbone: A2A ne segua l’esempio

Associazione “Comitato Rione Enel”- Legambiente Circolo “Ignazio Zanutto” - Comitato “NO Carbone Isontino”

Monfalcone, 16 giugno 2016 

Nei giorni scorsi abbiamo appreso dagli organi d'informazione che Tirreno Power, società che gestisce, tra le altre, la centrale di Vado Ligure, ha deciso di rinunciare definitivamente alla riattivazione dei gruppi alimentati a carbone, ora sotto sequestro da parte della magistratura.

 

Questo annuncio segue quello di ENEL che comunica la dismissione entro il 2017 dei gruppi a carbone delle centrali di Bastardo, Genova e Porto Marghera, nell'ambito del piano dell'azienda che prevede l’abbandono del carbone entro il 2050 partendo degli impianti più vecchi.

Dal prossimo anno, quindi, saranno solamente otto le centrali a carbone in sevizio nel nostro paese, e tra queste, quella di Monfalcone e di Fusina (VE), saranno di gran lunga le più vetuste con oltre cinquant'anni di servizio.

Ma particolarmente interessante ci sembra un passaggio del comunicato di Tirreno Power: "A distanza di 27 mesi dal sequestro in cui sono venute progressivamente a mancare anche le infrastrutture logistiche indispensabili per l’esercizio dei gruppi alimentati a carbone, il contesto sociale è profondamente mutato: l’uscita dalla produzione a carbone di energia elettrica è un obiettivo annunciato dal Governo, dalle istituzioni locali ed è anche nelle attese della popolazione." Evidentemente la società ha preso atto che la produzione di elettricità con il carbone non ha futuro nel nostro paese, e un'azienda che vuole essere all'avanguardia o anche semplicemente stare sul mercato deve adeguarsi per tempo a questo trend.

Auspichiamo quindi che al più presto anche A2A prenda atto del "contesto sociale profondamente mutato" e presenti un piano di dismissione dei gruppi a carbone della centrale di Monfalcone.
Invitiamo altresì le istituzioni ad agire per tempo pretendendo da A2A adeguate garanzie affinché questo che appare come un esito inevitabile non diventi l'ennesimo dramma occupazionale per la nostra città.

Comitato Stop Carbone Monfalcone

Il comunicato stampa di Tirreno Power è reperibile su: http://www.centralevadoligure.it/2016/06/07/tirreno-power-decisa-la-chiusura-dei-gruppi-carbonevado-ligure/