Questo sito internet utilizza i cookie
per analizzare il nostro traffico e fornire le funzioni dei social media. Se continui ad utilizzare questo sito web o fai clic su “Ho capito” acconsenti ai nostri cookie.

 

Sei qui: Home Circoli Pedemontana Gemonese La lotta contro le centraline idroelettriche

La lotta contro le centraline idroelettriche

centralineContinua da parte del Circolo Gemonese l’impegno per impedire la realizzazione di centraline idroelettriche nei piccoli torrenti di montagna, dove il danno ambientale supera ampiamenti i benefici, sostenuti da vari incentivi, di produzione di energie pulite. Il Torrente Leale in comune di Trasaghis è un corso d’acqua che presenta dei valori ambientali e paesaggistici di grande valore, con una flora e fauna oggetto di tutela comunitaria secondo la direttiva Habitat.

Numerose le associazioni locali che hanno approvato questo obiettivo, segno anche della condivisione nell’azione di razionalizzazione della costruzione delle centraline idroelettriche, che la nostra associazione, in particolare con la nota inviata ai Sindaci, sta da tempo portando avanti. Due i progetti proposti sul Leale a far tempo dal 2012; uno, della Soc. Alpe, è stato archiviato, dell’altro, della Soc. Renowa, si sta valutando la proroga dell’autorizzazione ambientale concessa improvvidamente nel 2013 da parte dell’allora Giunta Regionale. Fra i vari ricorsi anche il Circolo gemonese ha presentato il suo motivandolo soprattutto con due osservazioni: - L’area, il torrente, è tutelata dalla direttiva habitat ospitando specie della flora e della fauna, in particolare l’ululone dal ventre giallo, inserite negli elenchi della stessa direttiva; - Il minimo deflusso vitale proposto dalla società non corrisponde ai criteri di mantenimento della qualità delle acque stabilite dalle leggi in materia e dallo stesso piano regionale di tutela. Le varie osservazioni, le proposte alternativa di un uso diverso del comprensorio, tipicamente la costituzione di un biotopo, hanno indotto le istituzioni, il Comune prima e la Regione poi, ad avviare la procedura di costituzione di area protetta a biotopo. L’iter è ora in corso e va a potenziare il progetto di riqualificazione ambientale del Lago di Cavazzo, compromesso ora dalla presenza della centrale idroelettrica, in questo modo restituendo alla natura ed alla comunità un territorio dalle notevoli valenze ambientali.