Questo sito internet utilizza i cookie
per analizzare il nostro traffico e fornire le funzioni dei social media. Se continui ad utilizzare questo sito web o fai clic su “Ho capito” acconsenti ai nostri cookie.

 

Sei qui: Home Circoli Trieste "I rischi legati alla centrale di Krsko e la campagna di obbedienza civile per l'acqua pubblica

"I rischi legati alla centrale di Krsko e la campagna di obbedienza civile per l'acqua pubblica

Legambiente, a un anno dalla vittoria nei referendum su acqua e nucleare, promuove l’incontro dal titolo: ”I rischi legati alla centrale di Krško  e la campagna di obbedienza civile per l’acqua pubblica“.
mercoledì 13 giugno, alle ore 18.00nella sala del Centro Servizi Volontariato di via S. Francesco 2 (II piano).


I referendum del 13 giugno 2011 hanno mostrato il volto migliore del Paese: dopo anni nei quali era stato sempre fatto fallire il quorum, oltre 27 milioni di cittadini, in FVG poco meno del 60% degli elettori, ha scelto di far sentire la propria voce su temi importanti come l'acqua, l'energia, la giustizia. Il nucleare è stato rispedito ancora una volta al mittente, si è stabilito che l'acqua non è una merce e come tale dovrà essere gestita in modo pubblico e partecipato, e si è riaffermato il principio che la giustizia è uguale per tutti.
La vittoria referendaria, tuttavia, non ha risolto però tutti i problemi e non mancano i tentativi di vanificarla. Senza dimenticare che alcuni problemi, come quello del nucleare, travalicano la dimensione nazionale.


Il presidente della Regione Friuli Venezia Giulia, Renzo Tondo, per esempio, non ha mancato di ribadire – anche dopo la vittoria del “SI” al referendum – la volontà della Giunta regionale (e dell’ENEL) di partecipare in qualche modo sia alla gestione della centrale nucleare slovena di Krško, sia al suo raddoppio.
Raddoppio previsto nel Piano Energetico Nazionale della Repubblica di Slovenia.
La centrale di Krško, va ricordato, sorge a 139 km in linea d’aria da Trieste (quella di Chernobyl dista 1.363 km), con i rischi che ne conseguono in caso di incidente grave.
Il circolo Verdeazzurro Legambiente di Trieste nell’ottica di continuare a svolgere il ruolo di stimolo alla crescita della consapevolezza ambientale vuole ricordare la vittoria di un anno fa, con un’iniziativa incentrata sui temi dell’acqua pubblica e dell’energia nucleare, focalizzandosi soprattutto sulla realtà del Friuli Venezia Giulia.

Introdurranno le relazioni di:
Tiziana Cimolino - dell’associazione Bioest e tra i principali organizzatori della raccolta di firme sui referendum per l’acqua pubblica – sul tema: “La campagna di “obbedienza civile” per l’acqua pubblica”
Lucia Sirocco - presidente del circolo Legambiente di Trieste – sul tema: Il nucleare vicino a noi. La centrale di Krško e il Piano energetico della Slovenia
Livio Sirovich – sismologo dell’OGS di Trieste – sul tema: Il rischio sismico e la centrale nucleare di Krško
Seguirà il dibattito con il pubblico presente.

Allegati:
FileDimensione del FileDownloads
Scarica questo file (ComStampa2012giu13ReferendumVittoria.pdf)ComStampa2012giu13ReferendumVittoria.pdf134 kB692