Questo sito internet utilizza i cookie
per analizzare il nostro traffico e fornire le funzioni dei social media. Se continui ad utilizzare questo sito web o fai clic su “Ho capito” acconsenti ai nostri cookie.

 

Sei qui: Home Il circolo

Circolo Prealpi Carniche

Circolo Prealpi Carniche

Sghiaiamento del lago di Barcis: serve un intervento strutturale

SGHIAIAMENTO DEL LAGO DI BARCIS: SERVE UN INTERVENTO STRUTTURALE, DI BASSO IMPATTO AMBIENTALE E CONDIVISO

Lo ripetiamo da oltre vent’anni: per risolvere definitivamente il problema dell’accumulo di ghiaia a nord del lago di Barcis serve un intervento strutturale che affronti tutte le fasi dal prelievo, al trasporto fino ai possibili utilizzi con valutazioni tecniche, economiche e di impatto ambientale. Invece sono stati spesi diversi milioni di euro per continui interventi d’emergenza (tra l’altro eseguiti in modo scriteriato: vedi il rialzo della strada in corrispondenza del Varma) per ritrovarci sempre al punto di partenza.

Leggi tutto...

Cellina: anche l'ultima goccia

Se piove tanto fermatela ma non fatecela mancare quando ci serve per irrigare i campi e produrre energia o per i nostri consumi domestici, ma pulita e priva di atrazina. In compenso vi lasciamo i danni, un territorio devastato dal punto di vista ambientale e paesaggistico, un fiume secco e soggetto a continue erosioni.
Questo devono aver pensato il sindaco di Pordenone e Hydrogea che stanno progettando di prelevare l’ultimo zampillo d’acqua che dalla diga di Ravedis viene restituito al fiume Cellina in prossimità del nuovo ponte.
Una diga, quella di Ravedis, inaugurata in pompa magna nel maggio del 2014 e che ad oggi (dopo oltre trent’anni dall’inizio dei lavori) svolge una funzione di accumulo molto ridotta visto che, per alcuni problemi agli organi di manovra delle paratoie che si spera entro breve siano risolti, la quota autorizzata del lago è di 318 mt. s.l.m. (salvo casi eccezionali come quelli alluvionali) mentre la quota di massimo invaso è di 341 mt. (la differenza corrisponde a circa 13 milioni di metri cubi d’acqua).

 

Leggi tutto...

Fiesta de la Mont

fiesta mont46° edizione della "Fiesta de la Mont", allestita, oramai da quasi mezzo secolo, dal Gruppo Chei del Talpa di Montereale V.  La location è davvero mozzafiato e lo stile della Fiesta ha mantenuto ancora il sapore delle gloriose feste popolari (vedere locandina allegata).

Comprensiva nel programma, domenica 5 agosto viene organizzata un'escursione, anche dal Circolo LA Prealpi Carniche, nell'ambito dell'iniziativa "Carovana delle alpi".

Leggi tutto...

Da vent'anni i Campi di Volontariato: alla ricerca di collaboratori!

campi di volontariatoPuntuali come ogni estate, alla chiusura dell'anno scolastico ripartiranno i “campi di volontariato” di Legambiente in montagna, l'esperienza che unisce vacanza e lavoro in favore della natura e delle comunità locali. Questa forma di “turismo alternativo”, che l'associazione ambientalista propone nella nostra regione dall'ormai lontano 1998, ha così superato i vent'anni di effettuazione, ma, nonostante nel corso degli anni registri un incremento significativo sia delle richieste di partecipazione che dell'offerta di opportunità, incontra purtroppo qualche problema.  

Leggi tutto...

Mostra “Scoprire Camminando il Parco”

Mostra prealpi giulieLegambiente invita all’inaugurazione della mostra fotografica: “Scoprire Camminando il Parco”. Vent’anni di escursioni naturalistiche guidate nell’area protetta del Parco Naturale delle Prealpi Giulie. Sabato 7 aprile 2018, ore 17.00  presso il Centro Visite Parco Naturale Prealpi Giulie Piazza del Tiglio, Resia UD.

Leggi tutto...

Cibo e Storia

Cibo e storiaIl circolo Legambiente Prealpi Carniche organizza un'incontro con Enos Costantini il 24 febbraio 2018 alle ore 17 presso Centro G. Giacomello, via Mazzini 10 (Grizzo, Montereale Valcellina, Pordenone). Il professore Enos Costantini è laureato in scienze agrarie, è insegnante, scrittore e divulgatore, ed uno dei maggiori esperti in agricoltura e ambiente, produzioni locali, storia dell'agricoltura e biodiversità coltivata.

Leggi tutto...