Questo sito internet utilizza i cookie
per analizzare il nostro traffico e fornire le funzioni dei social media. Se continui ad utilizzare questo sito web o fai clic su “Ho capito” acconsenti ai nostri cookie.

 

Favori agli amici fino in t(f)ondo

COMUNICATO STAMPA                 Udine, 16 aprile 2013

Questa maggioranza di centro-destra non finisce mai di stupire! Dopo aver approvato con delibera d'urgenza e fuori da ogni regola il Piano di Governo del Territorio, dopo aver istigato i cittadini a violare norme di legge ambientale, assicurando loro la tutela giuridica degli uffici regionali, ci mancava solo l'ultimo piacere ai derivatori di acqua che già fanno disastri nei nostri fiumi e torrenti!

Infatti, fino all'approvazione del Piano Regionale di Tutela delle Acque (PRTA) era stabilito che valessero, quali norme di salvaguardia, le norme di attuazione dello stesso PRTA adottato con Deliberazione della Giunta regionale lo scorso novembre 2012.

L'art. 38 di quelle Norme indica, fra l’altro, la nuova formula per il calcolo del deflusso minimo vitale (DMV) che deve essere mantenuto nei tratti a valle di derivazioni di acqua per assicurare condizioni di vita continue e sufficienti alle comunità acquatiche presenti.
Tale formula, molto più adeguata agli obblighi comunitari di salvaguardia delle comunità ittiche di quella precedente, comprende coefficienti di tutela per i diversi tipi di corso d'acqua (montano, di valle, di risorgiva, protetto, destinato a salvaguardia delle specie ittiche autoctone....).
Ebbene: la norma di salvaguardia non ha fatto in tempo a produrre i primi benéfici effetti che è già stata soppressa; infatti, tale formula non è più un vincolo di legge in quanto, con il comma 3 dell'art. 2 della LR 5/2013, si fanno sì salve le norme di salvaguardia del PRTA ma a eccezione di quelle relative al DMV!
Con un colpo di spugna, torna vigente la vecchia norma che imponeva un DMV pari a 4 l/s*kmq (litri al secondo per kmq di bacino sotteso dalla derivazione). Un'inezia! Una goccia nell’alveo di sassi, con il risultato che i corsi d'acqua riceveranno meno portata, a vantaggio di chi investe nelle centrali/centraline idroelettriche.
I "derivatori" hanno fatto pressione e ringraziano; e i politici hanno fatto la solita figura da “sotans”, attenti solo ai voti e agli interessi privati forti, contro quelli generali molto più importanti ma, come sempre, messi sotto i piedi!

X Legambiente Michele Tonzar
X WWF Roberto Pizzutti
X Comitato Tutela Acque Alto Tagliamento Franceschino Barazzutti

Sei qui: Home Temi Altro Favori agli amici fino in t(f)ondo