Questo sito internet utilizza i cookie
per analizzare il nostro traffico e fornire le funzioni dei social media. Se continui ad utilizzare questo sito web o fai clic su “Ho capito” acconsenti ai nostri cookie.

 

Un salto di qualità per il biotopo di Flambro e Virco

flambro paesaggioLa scorsa settimana il Presidente regionale di Legambiente e del Circolo Laura Conti si sono incontrati a Flambro per una visita al biotopo con il Presidente dell’Associazione Naturalistica “La Marculine” di Flambro e “Airone Bianco” di Talmassons. 

Come molti lettori conoscono il biotopo si trova nella zona delle risorgive e comprende in uno spazio ridotto una pluralità di ambienti con polle d’acqua da cui si originano rogge che recapitano nello Stella, torbiere basse alcaline, prati umidi e brometi e superfici boscate per lo più a platano e ontano. Il tutto circondato dai campi chiusi. Un mosaico di paesaggi e biodiversità, di straordinaria bellezza con presenza di specie endemiche e relitti glaciali. 

I problemi che però assillano questo lembo residuo di ambiente di risorgiva sono molti e diversi:

  • prelievo eccessivo di acqua da parte dell’Ente Tutela Pesca per soddisfare il fabbisogno dell’avannotteria e della peschiera con inaridimento dei terreni a monte, soprattutto gli invasi della della palude – torbiera, cuore del biotopo
  • pressione eccessiva della caccia di tipo stanziale, migratoria , di appostamento e caccia a invito dopo la chiusura della stanziale
  • la banalizzazione del paesaggio mediante “l’apertura” dei campi chiusi e la coltivazione del pioppo

Legambiente aveva segnalato questi problemi in una lettera alla Regione del 5 novembre scorso. Non è però bastato. Le associazioni stanno pensando a ulteriori future iniziative.

Sei qui: Home Temi Biodiversità, aree rurali Un salto di qualità per il biotopo di Flambro e Virco