Questo sito internet utilizza i cookie
per analizzare il nostro traffico e fornire le funzioni dei social media. Se continui ad utilizzare questo sito web o fai clic su “Ho capito” acconsenti ai nostri cookie.

 

L'Italia chiede la sospensione dell'autorizzazione al mais OGM

Roma, 4 aprile 2013                      Comunicato stampa


OGM: Catania: “L’Italia chiede sospensione Autorizzazione Mais MON810”

Legambiente: “Positiva la decisione del ministro Catania, ora si adotti un provvedimento concreto per vietare la diffusione di questo mais”


“Bene la decisione del Ministro Catania di chiedere in Italia e in Europa la sospensione d’urgenza dell’autorizzazione alla messa in coltura del mais MON810, riteniamo però fondamentale che a questa decisione segua un impegno concreto affinché si proceda all’adozione della clausola di salvaguardia nei confronti del mais ogm.

La clausola in questione è stata già adottata da diversi paesi europei, dai quali l’Italia deve prendere esempio. Solo così si potrà tutelare veramente sia il settore agricolo italiano, che si basa su una produzione di qualità, sia le sue eccellenze agroalimentare, salvaguardando allo stesso tempo la salute delle persone”, così Legambiente commenta la richiesta avanzata dall'Italia alla Commissione Europea di sospendere le autorizzazioni del mais Ogm Mon810.

Legambiente, insieme a tante altre associazioni, da diversi anni è impegnata in un Task Force per un'Italia libera da Ogm. “La richiesta di sospensione presentata oggi – conclude il Cigno Verde – coincide con il periodo in cui si coltiva il mais, segnando così un primo passo importante contro i tentativi di introdurre gli ogm in agricoltura”.

Sei qui: Home Temi Biodiversità, aree rurali L'Italia chiede la sospensione dell'autorizzazione al mais OGM