Questo sito internet utilizza i cookie
per analizzare il nostro traffico e fornire le funzioni dei social media. Se continui ad utilizzare questo sito web o fai clic su “Ho capito” acconsenti ai nostri cookie.

 

Sit-in NO OGM

OGMCOMUNICATO STAMPA
Udine, 19 giugno 2013

Le associazioni unite giovedì 20 giugno davanti al Palazzo della Regione in via Sabbadini a Udine:
"No agli Ogm" per un'agricoltura capace di futuro

AIAB, Legambiente, WWF, Slow Food annunciano un sit-in creativo davanti al Palazzo della Regione, giovedì 20 giugno alle ore 11, replica locale della manifestazione che si terrà davanti Montecitorio lo stesso giorno. Gli ambientalisti: "Da mesi denunciamo il rischio di nuove semine di Ogm non autorizzate nel nostro Paese, cosa che mette a repentaglio un modello agricolo regionale di concrete prospettive" . La task force regionale anti-ogm chiama a raccolta simpatizzanti e soci per "chiedere un no definitivo agli Ogm".

“La manifestazione chiederà l'applicazione della clausola di salvaguardia, per vietare la messa a coltura di piante geneticamente modificate”, spiega Elia Mioni di Legambiente, “e il rispetto immediato delle norme statali e regionali che già vietano le semine incontrollate”. "Da mesi - spiega Cristina Micheloni, dell’AIAB, associazione italiana per l’agricoltura biologica - denunciamo il rischio di nuove semine di Ogm non autorizzate nel nostro Paese e puntualmente ciò è avvenuto negli ultimi giorni, in Friuli, con la minaccia di continuare nei prossimi sotto gli occhi delle autorità inermi". "Gli Ogm – spiega Roberto Pizzutti del WWF “sono gravemente dannosi per il nostro patrimonio agricolo, per la sovranità alimentare del nostro Paese e, quindi, per la nostra stessa economia e cultura. Vogliamo che le colture seminate illegalmente vengano distrutte e che non avvengano più semine non autorizzate". Poiché quasi sette italiani su dieci considerano oggi gli organismi geneticamente modificati meno salutari di quelli tradizionali” conclude Maz Plett di Slow Food “deve essere rafforzata la tutela dell’agricoltura e del territorio da forme di inquinamento genetico e assicurata la competitività delle nostre produzioni tradizionali e di qualità”. La manifestazione intende sollecitare l'intervento delle autorità e farle passare dal dire al fare: non basta proclamare il sostegno all'agricoltura di qualità: chi ne ha il ruolo deve agire subito.

AIAB | Legambiente FVG | Wwf sezione FVG | Slow Food

Sei qui: Home Temi Biodiversità, aree rurali Sit-in NO OGM