Questo sito internet utilizza i cookie
per analizzare il nostro traffico e fornire le funzioni dei social media. Se continui ad utilizzare questo sito web o fai clic su “Ho capito” acconsenti ai nostri cookie.

 

No all'asfaltatura dell'aeroporto di Campoformido

COMUNICATO STAMPA           16 dicembre 2013

Legambiente:  no all'asfaltatura dell'aeroporto di Campoformido

L'area dell'aeroporto di Campoformido conserva intatta la preziosa biodiversità dei prati stabili dei quali era disseminata la media pianura friulana fino a poco più di 50 anni fa. Per questa sua peculiarità è stata riconosciuta e inserita negli elenchi regionali e comunitari delle aree soggette a conservazione (SIC).

Ciò non ha però pregiudicato l'utilizzo dell'area così com'è avvenuto finora, anzi, è proprio grazie alla demanialità e alla ininterrotta attività dell'aeroporto che l'area può essere ora considerata importante per la conservazione delle varietà vegetali e per la sua diversità biologica, essa infatti grazie a questa utilizzazione, che dura da quasi un secolo, non è stata edificata, cementata, asfaltata, frazionata, non è stata arata, fertilizzata, trasformata.

Ora l'ENAC, l'Istituto Tecnico A. Malignani, la Regione, alcuni comuni vicini vorrebbero "valorizzare" l'area con opere di "manutenzione straordinaria"; ciò significa asfaltare una superficie di circa 60.000 mq e per questo sarebbero disponibili oltre due milioni di Euro (pubblici) con buona pace di ogni declamato proposito di ridurre il consumo di suolo e di conservare e valorizzare la biodiversità!
Va notato, incidentalmente, che, con Deliberazione della Giunta Regionale del 28/03/2013 n°546, sono state approvate le misure di salvaguardia dei 28 SIC regionali, tra cui Campoformido; forse che, asfaltando 6 ettari di SIC questa Giunta vuole distruggere quello che la Giunta precedente ha messo in salvaguardia?

Legambiente si oppone a questa ipotesi assurda ed inutile, chiede il rispetto delle normative europee sulla conservazione dei Siti di Importanza Comunitaria e propone di aprire una discussione sul tipo di valorizzazione che ognuno di questi attori vorrebbe e di farvi partecipare i cittadini e le associazioni ambientaliste; per esempio, se la pista è in prato naturale (parte inscindibile dall'area naturalistica), se su quella pista per tanti anni è avvenuto l'atterraggio ed il decollo degli aerei, perchè asfaltarla? La sua valorizzazione, a costo zero, sia come pista di aeroporto sia come prato stabile potrebbe essere proprio la conferma di questa sua particolare e ormai rara naturalità. Si spera, anzi, siamo sicuri, che la tecnologia delle ruote degli aerei, in quest'ultimo secolo, non sia affatto peggiorata!

Inoltre, ricordando che comunque siti aeroportuali sono già presenti in Regione, Legambiente lancia una proposta alternativa che potrebbe mettere tutti d’accordo: perché le esigenze del Malignani non possono essere soddisfatte utilizzando le piste della ex "TOT" situate nel Comune di Mortegliano?. Qui è attiva, fra l’altro, un’industria aeronautica (la Fly Synthesis Srl) che fabbrica aerei leggeri ed ultra-leggeri di grande affidabilità. La vicinanza tra le attività didattiche e quelle produttive di settore potrebbe essere una combinata favorevole capace di sviluppare interessanti sinergie vantaggiose per entrambe i soggetti.
Non potrebbe andare bene anche all’ENAC?

Legambiente FVG

Sei qui: Home Temi Biodiversità, aree rurali No all'asfaltatura dell'aeroporto di Campoformido