Questo sito internet utilizza i cookie
per analizzare il nostro traffico e fornire le funzioni dei social media. Se continui ad utilizzare questo sito web o fai clic su “Ho capito” acconsenti ai nostri cookie.

 

Sei qui: Home Temi Energia COP 26

COP 26

cop26 regno unito e1561027532500E’ su tutti i giornali di questi giorni la "notiziona" che l'Italia ha vinto la gara per ospitare le olimpiadi invernali del 2026. Tutti felici, salti di gioia, messaggio di Mattarella, complimenti a destra e a manca. Pochi giorni fa, è passata invece completamente inosservata la notizia che L'Italia non ospiterà la COP 26 del 2020, che sarà invece ospitata dall'Inghilterra (salvo eventi secondari che si terranno in Italia).

La COP 26, per chi non lo sapesse (e non lo sa nessuno perchè anche questa è una info di cui non si parla) è la ventiseiesima conferenza annuale degli stati che dovranno discutere gli impegni di riduzione delle emissioni climalteranti presi con l'accordo di Parigi  (COP 21 del 2015). E' una conferenza di importanza stratosferica (letteralmente): sarà qui che si decideranno le sorti dei cambiamenti climatici, sarà qui che vivremo un'esperienza veramente epocale di un accordo mondiale per salvaguardare un bene comune, e cioè l’atmosfera ed il clima in cui tutti viviamo. E' a questo evento che occorre rivolgere l'attenzione e fare tutte le pressioni possibili affinchè vengano prese decisioni che non siano solo acqua fresca come gli impegni di riduzione emissioni presi dagli Stati in occasione dell'accordo di Parigi, ma che siano decisioni coerenti con l'obiettivo di contenimento dell'incremento di temperatura ad 1,5 °C.

E' indispensabile un cambiamento radicale rispetto a ciò che sta accadendo attualmente, un cambiamento che non è affatto certo che gli Stati si impegneranno ad attuare, anzi è molto probabile o pressoché certo il contrario; per questo la COP 26 sarà un evento di vitale importanza. Il fatto che il nostro paese potesse ospitare un evento simile era un'occasione notevolissima per l'Italia in termini di consapevolezza collettiva, esposizione mediatica, occasione storica di poter incidere. Bene, tutto questo è passato così, senza alcun commento, come se niente fosse. E si scrive a titoli cubitali di questa, permettetemi, boiata delle olimpiadi invernali del 2026; giochi, appunto, rispetto a cose estremamente serie. Ma che razza di paese siamo????? Che sistema di informazione abbiamo????

Riportiamo qui un benemerito post sull’argomento da parte dell'ex ministro all'ambiente Edo Ronchi:

https://www.huffingtonpost.it/entry/il-governo-ha-rinunciato-alla-cop-26-per-il-clima-in-italia_it_5d0c873fe4b07ae90d9b033d

 

Federico Venturini, Vice Presidente circolo Legambiente Laura Conti