Questo sito internet utilizza i cookie
per analizzare il nostro traffico e fornire le funzioni dei social media. Se continui ad utilizzare questo sito web o fai clic su “Ho capito” acconsenti ai nostri cookie.

 

Sei qui: Home Temi Territorio e Paesaggio Nuovi progetti di cementificazione da Lignano Riviera fino al Tagliamento

Nuovi progetti di cementificazione da Lignano Riviera fino al Tagliamento

COMUNICATO STAMPA
Udine, 15 aprile 2013

Nuovi progetti di cementificazione da Lignano Riviera fino al Tagliamento.
Si chiede la riduzione del Sito di interesse comunitario “Pineta di Lignano” per far posto a 830mila metri cubi di cemento.
Questa edilizia non crea crescita e non rinnova la proposta turistica.

A Lignano sopravvive ancora qualcosa del particolare ambiente naturale delle dune costiere con le loro vegetazioni endemiche, tanto da aver condotto al riconoscimento di un Sito di interesse comunitario, che fa parte delle Rete europea di Natura 2000 che raccoglie e tutela tutte le migliori caratteristiche ambientali, faunistiche e territoriali europee. A Riviera resistono ancora prati di stipa veneta, specie in via di estinzione ed endemica nella costa friulano-veneta.
Proprio attorno e dentro quest’area si sta progettando una nuova espansione edilizia fino alla riva del Tagliamento, su una superficie di circa 200 ettari per un totale di 830mila metri cubi di nuovo edificato!

Attorno alla proposta di realizzare un nuovo percorso da 18 buche su 40 ettari, si pensa in realtà, come accade già altrove in Friuli, a nuove case per 80mila mc, residenze terra-mare per altri 80mila; un centro termale per 7mila, alberghi per 57mila mc e attività commerciali per 11mila mc. Ed inoltre si progetta una darsena di 35mila mq da collegare al canale di Bevazzana e un nuovo bacino d’acqua di 45mila mq a sua volta collegato con la darsena, perché altrimenti non si possono costruire le residenze terra-mare, che fanno più chic di una casa normale.
Ci sono poi, in altra area, gli “interventi trasformativi” del Sito di interesse comunitario “Pineta di Lignano”, dove si intende “realizzare un parco naturale di 81 ettari, riqualificando l’area SIC”. Peccato che se ne preveda anche la riduzione di superficie e lo si voglia circondare con altri 175mila mc di residenze, 175mila mc di altre residenze terra-mare, 25mila mc di attività commerciali, 15mila mc per un altro centro termale, 55mila mc di alberghi e 125mila mc di residenze turistiche alberghiere, probabilmente con alcune torri di 20 piani ciascuna.
Anche qui è indispensabile un ulteriore bacino di circa 35 ettari e, infine, si prevede una nuova viabilità, non quantificata in chilometri, per nuovi collegamenti con la viabilità esistente e con 9 rotatorie ed un bel ponte di 30 metri sopra la darsena, comprensivo questo di una bella pista ciclabile protetta.
Chi lo presenta, un pool di sei società, descrive il progetto come “un programma che sarà in grado di contribuire al rilancio del sistema turistico non solo comunale attraverso la messa a sistema delle risorse naturali, ambientali ed infrastrutturali presenti in un’area strategica della fascia litoranea dell’alto Adriatico”, per il quale, quindi, sarà necessario anche qualche investimento pubblico, per quanto ancora da definire.
A gente semplice come noi di Legambiente sembra, invece, una presa in giro. Non solo perché strumentalizza l’esistenza degli ultimi brandelli di naturalità e biodiversità ancora rintracciabili a Lignano, prevedendo pure di ridurli ulteriormente.
Anche perché è l’ennesima speculazione edilizia inutile che arricchirebbe solo chi costruisce senza migliorare l’offerta turistica complessiva dell’area, non aggiungendo nulla di nuovo, di moderno, di caratteristico e di competitivo. A Rimini, ad esempio, in realtà simili risulta che l’attuale Sindaco abbia impostato la propria attività con l’obiettivo della crescita zero in campo edilizio.
L’ampliamento della stagione turistica sulla costa regionale e la ricerca e creazione di un nuovo target turistico può essere ottenuto con investimenti molto minori, e senza nessun nuovo metro cubo di cemento, con una semplice gestione coordinata, pochi miglioramenti strutturali e una forte adeguata promozione della rete di riserve ambientali lagunari e delle loro risorse ambientali uniche, a cui agganciare le risorse di ospitalità e di offerta culturale, archeologica ed enogastronomica del territorio.
Per ora risulta che questo progetto sia fermo nei cassetti del Comune e che non ci siano gli entusiasmi che i proponenti probabilmente si aspettavano. Questo potrebbe essere un segnale di cambio di marcia per tutto l’arco costiero regionale, viste le altrettanto imponenti cascate di cemento che si annunciano a Grado con il quasi raddoppio della capacità abitativa, e che si comincia a pensare che il futuro non possa essere il semplice proseguimento del recente passato, ma debba essere animato da idee e proposte nuove. E che l’attività edilizia sia orientata, piuttosto che a nuovi progetti di ulteriore ampliamento edilizio dei due poli turistici marini, al recupero ed alla riqualificazione dell’ampio patrimonio esistente.
Si spera in qualche segnale concreto, dai Comuni e dalla Regione, per l’approvazione dei Piani di gestione dei Sic, primo di tutti quello della Laguna, e per la gestione e promozione delle riserve regionali esistenti. Progetti semplici ma nuovi ed utili, che potrebbero usufruire, a Lignano, di percentuali del 75% di contributo comunitario se si avviasse un progetto LIFE per il ripristino naturalistico dell’area, visto che quel Sic è l’unico in regione ad ospitare una specie prioritaria su un habitat, le dune grigie, a sua volta prioritario. Ci potrebbero essere, visti i precedenti in regione, ben oltre un milione di euro di disponibilità.

Legambiente FVG