Questo sito internet utilizza i cookie
per analizzare il nostro traffico e fornire le funzioni dei social media. Se continui ad utilizzare questo sito web o fai clic su “Ho capito” acconsenti ai nostri cookie.

 

Sei qui: Home Temi Mobilità e trasporti Centro storico di Udine aperto alle auto? Un ritorno al passato!

Centro storico di Udine aperto alle auto? Un ritorno al passato!

db1738089ef42ef78fffdf7291fdbe59Le posizioni di Legambiente in tema di mobilità urbana sono chiare. Quella lanciata dal Sindaco più che una sperimentazione è un ritorno al passato, che ci allontana da tante città di pari taglia del nord – est per non parlare del  centro Europa, dove queste argomentazioni si  sono chiuse ancore negli anni 90. Da tempo si parla di smart cities e di mobilità sostenibile. Questo sono i  terreni di sperimentazione.

Ci sono centri storici pedonali  da decenni, anche  molto più grandi del centro di Udine quali Padova, Treviso,Verona, Bologna, Parma, Mantova, ecc ecc. aree pedonali molto frequentate  in cui anche il commercio, pensiamo, ne benefici.  Forse i problemi sono altri che la carenza di auto parcheggiate a bordo strada (es. affitti alti, assenza di politiche che agevolino residenzialità e commercio e artigianato di qualità).  

Icittadini sono I PRIMI DESTINATARI delle scelte strategiche della città e non solo alcune categorie, anche se importanti dal punto di vista socio-economico. Oggi c’è la possibilità che i cittadini si riapproprino degli spazi liberati dalle auto, luoghi che diventano spazi di ricreazione,  incontro conviviale ma anche opportunità per un commercio “slow”. Iniziando dal cuore delle città. A proposito Piazza Libertà è anche il cuore del Friuli.  Perché invece di guardare al passato non si sperimenta la costruzione di un piano di sviluppo della città, abbandonando la pratica degli interventi su parti di essa, cominciando dal basso e attuando un vero protagonismo della cittadinanza per progettare una nuova identità, anche economica, degli spazi urbani legata al turismo, ai beni culturali, ad una rinnovata imprenditorialità?  

Di certo con  la “sperimentazione” alcuni  indicatori  aumenteranno sicuramente: i livelli di rumore, delle polveri sottili durante l’inverno e dell’ozono durante l’estate e altri diminuiranno: la minore attrattività per pedoni e  turisti di via Mercatovecchio.  A  che pro? Lasciateci ancora  invece  immaginare luoghi, nel cuore della città, dove i bambini possano ritornare a giocare in sicurezza.   Come associazione troviamo invece più interessate la proposta lanciata dal sindaco di modificare il sistema di raccolta dei rifiuti. E’ un esempio di tema  sui cui vale la pena sperimentare.